Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Henrik Hololei: l’uomo che… muove il futuro

Intervista a Henrik Hololei, Direttore Generale della DG MOVE Mobilità e Trasporti della Commissione Europea

“S&A”: “Nell’ambito del CEF Connecting Europe Facility (il meccanismo per collegare l’Europa), l’UE investirà numerosi miliardi di Euro nel settore dei trasporti: quali opere ne saranno interessate?”.

“HH”: “Nel programma politico del Presidente Juncker, il CEF mira a mobilitare investimenti per la crescita e l’occupazione in Europa, a contribuire allo sviluppo di un mercato digitale unico e ad un’Unione dell’energia resiliente. Stiamo parlando di un investimento di 24,05 miliardi di Euro per il trasporto disponibili per il periodo 2014-2020. Lo scorso Luglio, la Commissione ha adottato – insieme agli Stati membri – un elenco di 276 progetti dal novero del primo gruppo di proposte presentate nell’ambito del CEF. Tali progetti hanno ricevuto un finanziamento comunitario del valore complessivo di 13,1 miliardi. Il secondo invito a presentare proposte per il CEF nei Trasporti si è chiuso il 16 Febbraio. Il bilancio indicativo disponibile è di 1,1 miliardi per tutti gli Stati membri e di 6,5 miliardi per i soli 15 Stati membri ammessi a beneficiare del Fondo di coesione. Nel processo di valutazione, saranno selezionati quei progetti che concorrono nel miglior modo possibile alle nostre priorità: l’innovazione e le nuove tecnologie, le Autostrade del Mare e i sistemi di gestione del traffico nei trasporti, come il progetto SESAR per l’aviazione, l’ITS per la strada, l’ERTMS per il trasporto ferroviario e il RIS per le vie navigabili interne”.

“S&A”: “SESAR e ERTMS sono acronimi spesso sconosciuti al grande pubblico: come potrebbero rivoluzionare il traffico aereo e ferroviario?”.

“HH”: “SESAR sta per Single European Sky Air Traffic Management Research e non si può non tenere conto della sua importanza. Sappiamo tutti che un eccellente sistema gestione del traffico aereo (ATM, Air Traffic Management) è di vitale importanza per la realizzazione del Cielo Unico Europeo (SES, Single European Sky). Solo implementando il Cielo Unico si potranno contrastare i limiti dello sviluppo nei nostri cieli. Avremo bisogno di affrontare la crescente domanda di viaggi aerei per ridurre le emissioni di CO2 e di tagliare i costi per i benefit dei passeggeri. Tutto questo, mantenendo i più alti standard di sicurezza. SES è senza dubbio, anche per il futuro, una delle priorità della Commissione Europea. Pertanto, gli innovativi progetti del SESAR sono essenziali se vogliamo seriamente riformare e modernizzare il sistema ATM e raggiungere quegli obiettivi. È attraverso SESAR che le tecnologie all’avanguardia vengono finanziate, sviluppate, testate e dislocate. È sempre attraverso SESAR che si possono trovare soluzioni innovative da distribuire efficacemente in Europa e in tutto il mondo. È attraverso SESAR, infine, che possiamo creare il futuro dell’aviazione europea. ERTMS è, infine, l’European Rail Traffic Management System. L’idea fondante è permettere ai treni di muoversi in tutta Europa senza ostacoli tecnici stabilendo uno standard europeo. Questo sarebbe più semplice e più economico per assicurare che i treni non si debbano fermare alle frontiere. Oggi in Europa vi sono contemporaneamente più di 20 sistemi di segnalamento e di controllo della velocità. Per esempio, i treni della serie Thalys che collegano Parigi e Bruxelles devono essere dotati di sette tipologie di sistemi di segnalamento, di controllo della velocità e di comunicazioni radio. Le barriere tecniche stanno ostacolando lo sviluppo del trasporto ferroviario: il progetto ERTMS è stato istituito proprio per far fronte a questi ostacoli, per creare uno standard di segnalamento e di comunicazione che sia unico in tutta l’Europa”.