Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Anna Schirokoff: la donna che… vigila sulla sicurezza finlandese (ed europea)

Intervista in esclusiva ad Anna Schirokoff, Chief Adviser presso la Finnish Transport and Communications Agency

sfondo int

  For English version: https://www.stradeeautostrade.it/front-page-interviews/anna-schirokoff-the-woman-who-watches-over-finnish-and-european-road-safety/

Questa volta al Lettore dobbiamo una verità: non siamo volati in Finlandia (purtroppo), ma siamo stati convinti ad utilizzare il supporto della teleconferenza dalla sede della Redazione, come punto di partenza delle domande che seguono.

Attiviamo il collegamento è subito appare la nostra intervistata, la Dott.ssa Anna Schirokoff, Chief Adviser presso l’Agenzia finlandese dei Trasporti e delle Comunicazioni.

  • UE
    1 int
    Anna Schirokoff, Chief Adviser presso la Finnish Transport and Communications Agency, durante un incontro per il WINMOS - WInter Navigation MOtorwayS of the Sea. WINMOS è un’azione che mira a sviluppare un efficiente trasporto marittimo durante l’inverno, quando il ghiaccio marino copre gran parte delle acque più settentrionali del territorio UE
  • Finnish Transport and Communications Agency
    2 int
    (photo credit: Risto Kulmala)
  • Finlandia
    3 int
    (photo credit: Timo-Saarenpaa)
  • Trasporti
    4 int
    (photo credit: Timo-Saarenpaa)

Prima di iniziare le domande inerenti alla sua attività, ricordiamo che il 1° Gennaio 2019, l’Agenzia finlandese per la Sicurezza dei Trasporti (Trafi), l’Autorità regolatrice delle comunicazioni finlandese (FICORA) e alcune funzioni dell’Agenzia dei trasporti finlandese si sono fuse per formare l’Agenzia Finlandese dei Trasporti e delle Comunicazioni Traficom.

Nel 2015 l’Agenzia di Trasporti finlandese e Trafi hanno avviato la tabella di marcia e il piano d’azione, nonché gli studi preparatori per il traffico stradale automatizzato. Oltre 100 Organizzazioni commerciali o governative hanno partecipato al lavoro frequentando vari Workshop.

L’argomento è stato anche ampiamente discusso dal punto di vista del guidatore e della prospettiva del veicolo e dei suoi sistemi. Esempi di ciò sono l’istruzione del conducente, la patente di guida, la disponibilità di dati sulle attrezzature e le caratteristiche del veicolo, la trasmissione sicura dei dati e l’approvazione tecnica del veicolo.

Il Ministero dei Trasporti e delle Comunicazioni ha evidenziato più volte di voler essere in prima linea quando si tratta di prepararsi per il traffico stradale automatizzato e di sfruttare le possibilità offerte da questo.

L’automazione del traffico stradale progredisce rapidamente utilizzando i sensori e i sistemi di supporto dei conducenti nei veicoli. Le Autorità di trasporto svolgono un ruolo importante nel consentire la guida automatizzata.

“Strade & Autostrade” intende quindi dedicare questa intervista alle importanti esperienze che la Finlandia ha portato avanti dal 2015 a oggi, in relazione alle tecniche che si stanno sviluppando in Europa e nel mondo, ma anche e soprattutto riguardo alle novità emerse, che la differenziano dalle sperimentazioni degli altri Paesi europei.

Proprio su queste tematiche, abbiamo incentrato le nostre domande alla Dott.ssa Schirokoff…

“Strade & Autostrade”: “Cos’è l’Agenzia Finlandese dei Trasporti e delle Comunicazioni e di cosa si occupa?”.

“Anna Schirokoff”: “L’Agenzia finlandese dei Trasporti e delle Comunicazioni Traficom è un’Autorità che si occupa di questioni relative a licenze, registrazioni e approvazioni. Promuoviamo la sicurezza del traffico e il funzionamento regolare del sistema di trasporto. Oltre a questo, ci assicuriamo che tutti in Finlandia abbiano accesso a comunicazioni, collegamenti e servizi di elevata qualità e sicurezza.

Traficom ha circa 900 dipendenti nelle sue 15 sedi in Finlandia. Il nostro ufficio principale è a Helsinki”.

“S&A”: “Ci vuole dare una panoramica sullo stato dell’arte delle vostre attività anche in rapporto ai recentissimi sviluppi (sul piano legislativo) che stanno avendo luogo in sede europea (Commissione, Consiglio, ecc.), con particolare riguardo al tipo di comunicazioni V2V e V2I?”.

“AS”: “La Autorità finlandesi stanno lavorando in varie piattaforme e attività di progetto della CCAM (Cooperative, Connected and Automated Mobility). La più recente collaborazione europea tra partner pubblico e privato, risalente al Giugno 2019, è stata la Piattaforma CCAM creata dalla Commissione Europea per prove aperte su strada e formazione CCAM.

Le Autorità finlandesi sono convinte che la European Intelligent Transport System Platform (EU EIP) fornisca informazione e conoscenza, come ad esempio nel caso dell’attività 4.2 Facilitazione guida automatizzata presieduto dalla Finlandia, che va a vantaggio della formazione CCAM e della collaborazione fra i mercati europei.

Mentre la Legislazione europea per i C-ITS (Cooperative Intelligent Transport Systems) è ancora aperta dopo il voto del Luglio 2019, la diffusione e l’interoperabilità fanno passi avanti in diverse attività europee come la C-Roads Platform e la Data Task Force, in cui le Autorità finlandesi lavorano insieme ad altri Stati membri per consentire l’interoperabilità del Servizio Informativo sulla Viabilità connessa alla Sicurezza.

Attendiamo con fiducia che la collaborazione fra pubblico e privato permetta un’ampia interoperabilità e benefici a lungo termine per la sicurezza sulle nostre strade.

Secondo il punto di vista delle Autorità finlandesi, i benefici dei servizi C-ITS potrebbero essere pienamente realizzati nel seguente scenario: “Le più significative condizioni con un’influenza sulla rete stradale finlandese che andrebbero comunicate agli utenti delle strade sono previste oppure osservate.

I servizi che migliorano la sicurezza e il flusso del traffico e preservano l’ambiente hanno un’ampia base di utenza e coprono sia strade pubbliche che la rete viaria. I servizi sono interoperabili fra di loro e corrispondenti a servizi europei.

Un nuovo tipo di modello è stato creato per la fornitura di servizi e la distribuzione di messaggi. Le parti coinvolte nell’attività, ovvero i fornitori di servizi e le Autorità, condividono informazioni nel rispetto di principi congiuntamente approvati.

Queste attività produrranno benefici per utenti delle strade, viaggi e trasporti, e sosterranno la creazione di nuovi, innovativi servizi e lo sviluppo di veicoli automatizzati”.

Per sostenere questa visione è stato avviato un progetto pilota comunitario finanziato da CEF (Connecting Europe Facility), NordicWay2 (2017-2020), attraverso il quale tre ecosistemi industriali, in totale 19 partner privati del settore, mirano all’interoperabilità transfrontaliera dei servizi C-ITS fra i Paesi aderenti al progetto NordicWay e quelli aderenti all’iniziativa della piattaforma C-roads.

In pratica, ciascuno dei casi-pilota finlandesi comprende un server per lo scambio di dati che trasmette messaggi C-ITS e diversi fornitori di servizi C-ITS. Tutti i casi-pilota proporranno un modello in base al quale ogni server per lo scambio di dati trasmette i messaggi generati dai vari fornitori di servizi ed è collegato con gli altri.

I progetti-pilota adotteranno comunicazioni ibride, con la maggior parte dei messaggi trasmessa attraverso la rete di telefonia mobile. Tutti e tre i casi-pilota, che offrono servizi C-ITS di elevata qualità agli utenti stradali in Finlandia, hanno iniziato lo scambio di dati nell’Ottobre 2019 e continueranno almeno fino al Maggio 2020.

Al momento stiamo vivendo un periodo interessante e non solo per lo sviluppo tecnologico, ma anche per i diversi aspetti organizzativi, quali ad esempio i modelli di business e le soluzioni per la privacy dei dati che sono attualmente oggetto di discussione.

Nell’ambito del progetto verrà studiata l’accoglienza dei servizi C-ITS da parte degli utenti, si procederà a una valutazione della fattibilità tecnica del progetto stesso e del suo ecosistema, e alla fine verrà prodotta una certificazione socio-economica dei servizi C-ITS erogati. I risultati della valutazione saranno pubblicati entro la fine del 2020”.

Le risposte arrivano con l’entusiasmo fresco e giovane di una donna che ama il proprio lavoro senza rinunciare alla gioia della lettura. A tal proposito, racconta che durante le vacanze estive ha letto diversi libri di un’autrice finlandese di thriller, Leena Lehtolainen, i cui libri – che hanno come protagonista la detective Maria Kallio – sono per lei davvero avvincenti.

Anche noi abbiamo una predilezione per il genere thriller: il “nostro” Luigi Pirandello ha detto che “I libri pesano tanto: eppure, chi se ne ciba e se li mette in corpo vive tra le nuvole”.

“S&A”: “Come avete valutato l’ultimo provvedimento del Parlamento Europeo in relazione al G5 e al CV2X?”.

“AS”: “Dopo che il Consiglio Europeo ha respinto le specifiche nel voto dello scorso Luglio, è necessaria una rivalutazione dei prossimi passi da compiere in materia di C-ITS.

La Finlandia ha sostenuto la neutralità tecnologica allo scopo di costruire una roadmap di lunga durata e a prova di futuro per i C-ITS e l’automazione dei trasporti in tutte le sue modalità.

Il nostro impegno è quello di continuare nella cooperazione per migliorare la sicurezza e l’efficienza del traffico in Europa, così come di ridurre l’inquinamento ambientale, e stiamo promuovendo attivamente questo lavoro anche nell’ambito di C-Roads e dei nostri progetti-pilota transfrontalieri, come il NordicWay”.

Segnaliamo che le specifiche C-ITS del Ministero finlandese e quelle di Traficom si possono trovare sulla pagina web della Comunità Europea: https://ec.europa.eu/info/law/better-regulation/initiatives/ares-2017-2592333/feedback/F25229_en?p_id=351850.

“S&A”: “Traficom sta sviluppando uno dei maggiori programmi di sviluppo riguardanti l’auto connessa e la guida automatica a livello europeo: il primo rapporto nazionale del 2015 – che ha delineato il programma dei lavori nazionali dal 2016 al 2020 – è un importante punto di riferimento per lo sviluppo di queste tematiche: ci può aggiornare sullo stato dell’arte di queste materie?”.

“AS”: “Le attività relative alla Road Map e al Piano d’azione 2016-2020 per l’automazione dei trasporti stradali sono progredite. Attualmente è in corso la pianificazione per le prossime fasi”.

Riprendiamo ad approfondire anche l’ambito personale e spostiamo il discorso sulle vacanze: ci segnala che negli ultimi sette anni ha sempre trascorso una settimana in Aprile nella Lapponia finlandese praticando sci e cross country. Lì i giorni sono lunghi e spesso soleggiati, c’è moltissima neve, è davvero stupendo. In estate preferisce passare una settimana al caldo, come in Grecia e in Croazia che ama molto.

Con un pizzico di invidia e nella speranza che presto possa assaporare il caldo e il mare italiani, torniamo alle domande “istituzionali”…

“S&A”: “Le misure che saranno attuate sono state divise in cinque categorie: infrastruttura; pavimentazione stradale e attrezzature; sistemi di veicoli; servizi e funzioni; autista. Più di 100 misure sono state proposte solo per il periodo 2016-2017. A che punto siete rispetto a ognuna delle categorie che avete affrontato?”.

“AS”: “Ecco, in estrema sintesi, la situazione categoria per categoria:

  • Infrastruttura (per cui non sono stati individuati chiari requisiti): Infra Challenge, MANTRA (Making full use of Automation for National road Transport Authorities);
  • Pavimentazione stradale e attrezzature: Infra e Arctic Challenge;
  • Sistemi di veicoli: OEM e fornitori di servizi;
  • Servizi e funzioni: ricerca e sviluppo, come ad esempio per gli shuttle automatizzati;
  • Autista: diversi sistemi di guida automatizzata, importanti per riconoscere cosa fanno o non fanno i sistemi HMI”.
“S&A”: “Le misure proposte e direttamente correlate alla rete stradale riguardano la segnaletica stradale, il posizionamento, la trasmissione di dati tra l’infrastruttura e il veicolo e le aree di prova coinvolte in questo. In relazione a tali ambiti, può sintetizzarci lo stato delle analisi e delle sperimentazioni rispetto alla infrastruttura e in merito alle aree di prova?”.

“AS”: “Queste domande sono state studiate nel progetto Arctic Challenge a opera delle tre coalizioni industriali che comprendono 15 Aziende. Durante il progetto sono stati organizzati in Lapponia tre eventi dedicati alle prove. Gli ultimi sono stati completati alla fine dell’estate 2019 e al momento è in corso l’analisi dei risultati finali, che verranno pubblicati nell’evento finale del Novembre 2019”.

“S&A”: “Conosciamo l’Aurora Arctic Challenge 2017-2018, che affronta l’automazione dei veicoli stradali e anche le possibili soluzioni infrastrutturali, prestazioni e impatti in condizioni artiche: che risultati avete ottenuto sinora? Che risultati hanno dato le prove effettuate utilizzando veicoli automatici nel Corridoio Aurora?”.

“AS”: “Il progetto Arctic Challenge studia la guida automatizzata in presenza di ghiaccio e neve. I risultati intermedi sono stati pubblicati in due notizie, la prima alla fine del 2018 (https://arkisto.trafi.fi/en/news) e la seconda nella primavera 2019 (https://vayla.fi/web/en/-/-h1-final-weeks-of-testing-in-research-project-on-road-traffic-automation-in-winter-conditions-h1-#.XXekgygzYuU).

I risultati nel medio periodo sono promettenti. Come esempio di risultato interessante si potrebbero citare le conclusioni dei test condotti da Sensible 4 Oy, capaci di individuare la posizione di un veicolo con un grado di accuratezza di circa 20 cm, utilizzando una mappa con una nuvola di punti creata in condizioni estive e invernali tramite scansione laser.

L’impatto dei risultati delle misurazioni sarà utilizzato nello sviluppo di un veicolo automatico. Un Consorzio di lavoro formato dall’Università delle Scienze Applicate della Lapponia e da Roadscanners Oy ha testato i marcatori rivestiti in plastica e contenenti riflettori in alluminio, che sono stati sviluppati in connessione con il progetto.

Il Consorzio ha condotto l’esperimento con più di 100 marcatori, per vedere come i sensori radar sarebbero stati in grado di rilevarli e, in questo modo, migliorare la localizzazione di un veicolo automatico.

Il Centro Tecnico di Ricerca della Finlandia VTT, Infotripla Oy, Dynniq Finland Oy e Indagon Oy hanno portato a termine insieme un esperimento sui servizi per veicoli che comunicano tra loro e con l’infrastruttura. Questi risultati saranno disponibili in occasione dell’evento finale”.

“S&A”: “In relazione ai test previsti per tutti i veicoli automatici (livelli SAE 0-5), è possibile effettuare sperimentazioni su strade pubbliche utilizzando un certificato emesso da voi: il veicolo in prova deve avere un driver all’interno o all’esterno del veicolo, è valido per un anno e rinnovabile. I candidati ammissibili sono Aziende, Agenzie o altre Organizzazioni di ricerca e sviluppo. A che punto siete arrivati attualmente?”.

“AS”: “A partire dal 2016 è stata realizzata una serie di test. Otto diverse Organizzazioni hanno ricevuto i certificati”.

Salutiamo e chiudiamo il collegamento. Come recita un proverbio cinese: “Possiamo scegliere quello che vogliamo seminare, ma siamo chiamati a mietere quello che abbiamo piantato”.

La nostra chiacchierata e la professionalità della Dott.ssa Anna Schirokoff ci fanno pensare che il “raccolto” di un domani, fatto di cura e attenzione alle soluzioni infrastrutturali consentite dalle nuove tecnologie, dia più valore anche a un pomeriggio milanese trascorso nell’ufficio della Redazione”.

Alla prossima!

Curriculum Vitae di Anna Schirokoff

Anna Schirokoff è Chief Adviser presso l’Agenzia Finlandese dei Trasporti e delle Comunicazioni dal Gennaio 2019. Dall’Agosto 2013 al Dicembre 2018 ha ricoperto il ruolo di Chief Adviser (ITS) presso l’Agenzia Finlandese per la Sicurezza dei Trasporti, mentre nel periodo 1990-1997 ha studiato all’Università di Tecnologia di Helsinki (in Finlandia), dal 1992 al 1993 all’Università di Tecnologia di Lund (in Svezia) e dal 1996 al 1997 alla Technische Hohschule di Darmstadt (Germania). Tra il 1997 e il 2013 ha lavorato presso il Technical Research Centre della Finlandia come Ricercatrice Senior.

  For English version: https://www.stradeeautostrade.it/front-page-interviews/anna-schirokoff-the-woman-who-watches-over-finnish-and-european-road-safety/

>  Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti alla Newsletter mensile al link http://eepurl.com/dpKhwL  <