Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Pichetto Fratin: entro l’anno è possibile autorizzare 10 GW di nuove rinnovabili

“La sfida è arrivare al 100% di rinnovabili” ha detto il ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica

“John Kerry si è raccomandato con me di spingere sulle fonti rinnovabili. Io gli ho spiegato che l’anno scorso in Italia avevamo autorizzato 1,5 gigawatt di nuovi impianti, mentre quest’anno ad agosto eravamo già a 5,5 gigawatt autorizzati.

E alla fine dell’anno possiamo arrivare a 7, o anche a 10″. Lo ha detto all’Ansa il ministro dell’Ambiente, Gilberto Pichetto Fratin (FI), a margine di un evento al Padiglione Italia della Cop27 di Sharm el-Sheikh. Il ministro stamani ha incontrato l’inviato Usa per il clima, John Kerry.

“Kerry mi ha chiesto come è la situazione in Italia del clima e dell’energia – ha spiegato il ministro -. Ho ribadito che il nostro paese intende mantenere tutti i suoi impegni di decarbonizzazione al 2030 e al 2050, nonostante la situazione difficile a seguito del conflitto in Ucraina.

Ho espresso la posizione italiana che occorre eliminare per prime le fonti fossili più nocive, come il carbone e il petrolio. Il gas è un vettore transitorio, meno inquinante, ma pur sempre fossile. La sfida è arrivare al 100% di rinnovabili”. 

Nel corso dell’incontro, Kerry e Pichetto Fratin hanno parlato anche dell’ipotesi di un Fondo per le perdite e i danni dovuti al riscaldamento globale, richiesto alla Cop27 dai paesi meno sviluppati.

“La posizione italiana – ha spiegato il ministro – è di valutare un programma di azione che utilizzi strumenti che già ci sono, magari aggiornandoli, o inventandone anche di nuovi. L’Italia considera inattuabile un unico fondo, che sarebbe di dimensioni stratosferiche e richiederebbe anni di negoziati”.