Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Il ponte in acciaio del Caffaro tra Brescia e Trento è pericolante, potrebbe crollare

Il ponte Caffaro è situato al confine tra la Lombardia e il Trentino. È molto vecchio e necessita con urgenza di essere messo in sicurezza in quanto è a rischio di crollo.

Questa è la storia, ma intanto l’attualità segnala un problema: il ponte sul fiume Caffaro sarebbe a rischio crollo. Lo denuncia la Uiltrasporti Trentino, che chiede la chiusura deli’opera tra Ponte e Lodrone, nel territorio di Bagolino. Uiltrasporti dichiara che il transito di mezzi pesanti mette a rischio l’integrità del ponte.

Il collegamento tra le due regioni risale al 1906, il ponte storico da quell’anno è rimasto aperto al transito anche se ora presenta molti problemi strutturali, il ferro si è molto ossidato e si pensa di ridurre il transito dei mezzi pesanti.

Il presidente della Comunità Montana della Vallesabbia, Giovanmaria Flocchini, che fornisce ulteriori dettagli sulla vicenda: «Il ponte ha problemi, ma le verifiche effettuate dalla Provincia di Brescia hanno evidenziato l’assenza di pericoli imminenti. Gli interventi di messa in sicurezza vanno portati a termine, con una certa urgenza, ma non ci sono minacce immediate. Flocchini annuncia infine un incontro a Trento con le due Provincie, le Comunità Montane e i Comuni interessati, per valutare appieno la situazione e stabilire un calendario di progetti.

La Provincia di Brescia, che ha competenza nel merito, ha fatto sapere di avere risorse da investire nella riqualificazione del ponte, ma che è sottoposto al vincolo della Soprintendenza, per le sue caratteristiche storiche. Perciò prima di intervenire si dovranno presentare progetti compatibili con la struttura.