Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

In Olanda la prima pista ciclabile fatta con la plastica riciclata

Arriva dopo una analoga strada fatta però con la carta igienica recuperata dalle fogne.

Per ora sono solo 30 metri, ma presto potrebbero diventare molti chilometri. E’ certamente questo il destino della prima pista ciclabile costruita interamente con bottiglie e tappi di plastica riciclata. La strada è stata costruita a Zwolle (Olanda) e rappresenta la seconda tappa del riuso dei rifiuti per la mobilità sostenibile.

Plastic Road, questo il none della pista ciclabile – che è stata appena aperta al traffico ciclabile -, è costruita con una serie di pannelli modulari realizzati con materiali riciclati. Si tratta di materiali vuoti all’interno e quindi in grado di raccogliere l’acqua piovana che defluisce poi direttamente nelle condutture fognarie senza bisogno della presenza di tombini in superficie.

La pista è stata progettata da una società di ingegneria (la Kws), insieme con Wavin e Total. Gli stessi pannelli di plastica riciclata – è stato subito precisato dai costruttori -, possono anche essere usati per marciapiedi e parcheggi, ma anche per strade su cui far viaggiare altri veicoli oltre alla biciclette.

I 30 metri sperimentali sono inseriti in una pista ciclabile e per la loro realizzazione è stato utilizzato l’equivalente di 218mila bicchieri o 500mila tappi di bottiglia.

Zwolle è una città mercantile già abituata a queste sperimentazioni ed è nota per l’alta percentuale di traffico su bicicletta. Nel 2014 la città ha ricevuto il premio come miglior città a misura di ciclisti dei Paesi Bassi.

L’Olanda è così alla seconda prova nel riuso di rifiuti per realizzare infrastrutture. Qualche anno fa in fatti è stata realizzata una pista ciclabile fatta con la carta igienica recuperata dalle fogne. In questo caso la sperimentazione è stata fatta su una lunghezza di un chilometro che equivale a 180mila tonnellate di carta igienica che viene riutilizzata accorpando la cellulosa dispersa nelle acque fognarie in un composto di asfalto chiamato Ogfc.

Per recuperare la materia prima (la cellulosa) dalle fogne viene usato una sorta di setaccio industriale in grado di recuperarne 400 chilogrammi al giorno.