Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Porto di Napoli e di Salerno: in progetto, lavori di dragaggio

Le opere di infrastrutturazione dei porti di Napoli e Salerno fanno un balzo in avanti, a partire dal dragaggio del porto di Napoli, la cui gara è stata completata e i lavori, per 32 milioni di Euro, sono stati assegnati a un’ATI guidata da Sidra.

Giovedì 17 agosto dovrebbe essere infatti firmato il contratto e ai primi di settembre il cantiere dovrebbe essere aperto.

Si partirà innanzitutto con la rimozione di gran parte dei materiali del fondale che va dal molo Beverello al museo di Pietrarsa a Portici, risulta che sarà poi tombata nella cassa di colmata grande; quest’ultima diventerà il terminal di Levante.

Allo stesso tempo, sempre a Napoli ripartiranno i treni tra il porto e gli interporti di Nola e Marcianise attraverso la linea esistente ma da tempo non utilizzata.

L’Autorità Portuale di Sistema del Tirreno Centrale e il Comune di Napoli hanno infatti definito che cinque coppie di treni circoleranno di notte e, a tal fine, l’Autorità di Sistema Portuale ha indetto una gara (chiusasi lunedì 31 Luglio scorso, dopo la quale è stata presentata una offerta) per la gestione dei collegamenti ferroviari.

L’Autorità Portuale ha inoltre con avviato con RFI uno studio di prefattibilità della costruzione di una nuova stazione e di un fascio di binari dalla darsena di Levante verso i due interporti, possibilmente utile alla circolazione di treni adatti ai volumi di traffico; per Settembre si prevede di capire come procedere.

Infine, non meno importante, è stato assegnato l’appalto integrato per realizzare 1,3 km a doppia corsia ed è partita la progettazione esecutiva.

Per Salerno si rende fattibile l’intervento di dragaggio, visto che a metà Luglio il Ministero dell’Ambiente ha approvato il progetto e, per Ottobre 2018, si potrebbero completare i lavori.