Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Salvini: il Ponte sullo Stretto opera più avveniristica ed ecologica della storia

“Opera Green perché, secondo diversi studi tecnici, grazie al Ponte si taglierebbero oltre 100.000 tonnellate di emissioni di anidride carbonica annue”

“Vogliamo creare lavoro, disinquinare, sbloccare cantieri e investire in trasporto su ferro e via mare, ma anche lasciare ai nostri figli un’opera che renderà l’Italia un Paese leader al mondo come il Ponte sullo Stretto, l’opera più avveniristica ed ecologica della storia. Opera Green perché, secondo diversi studi tecnici, grazie al Ponte si taglierebbero oltre 100.000 tonnellate di emissioni di anidride carbonica annue, oltre al notevole beneficio per le acque del canale di Sicilia”. A dichiararlo, secondo 9 Colonne, è il Vicepremier e Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini, dopo un intervento a Legambiente. 

Come riportano gli organi di informazione, nei giorni scorsi, il ministro ha anche incontrato una delegazione del Consiglio nazionale degli Ingegneri trovando piena condivisione sull’avvio dei lavori che, una volta arrivati a compimento, permetteranno l’attraversamento di 6 milioni di veicoli l’anno e di 60.000 treni.

La costruzione della rete ferroviaria tra le due sponde dello Stretto, inoltre, avrà un forte impatto sulla rete locale destinata a mettere in connessione le aree portuali di Messina, Catania e Palermo: un sistema infrastrutturale che potrebbe fare della Sicilia il più grande porto del Mediterraneo. Il progetto del Ponte prevede anche la realizzazione di una serie di opere sui territori regionali.