Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Anas: al via la sperimentazione di asfalti a basso impatto ambientale

(Come riportato in una nota di ANAS)

Utilizzati materiali derivanti da processi di termovalorizzazione, produzione di acciaio e plastiche riciclate. La prima applicazione in un cantiere della E45.

Anas (Gruppo FS italiane) ha avviato in Umbria la sperimentazione di asfalti innovativi a basso impatto ambientale. La prima applicazione è stata eseguita in uno dei cantieri di riqualificazione della E45, a Pantalla di Todi.

L’obiettivo è realizzare un campo prova in scala reale ed eseguire verifiche periodiche e test per valutare l’andamento nel tempo dei parametri prestazionali.

I nuovi asfalti sono realizzati con materiali artificiali e da riciclo derivati da processi industriali. Nel dettaglio, saranno impiegate miscele di: fresato, fibre di basalto, sabbie derivanti dai processi di termovalorizzazione dei rifiuti solidi urbani, graniglie derivanti dalla produzione di acciaio e plastiche riciclate.

L’impiego di materiali artificiali e da riciclo consente di abbattere l’impiego di materiali naturali vergini e quindi l’impatto sull’ambiente, in un’ottica di sostenibilità economica e ambientale per il risparmio energetico, l’abbattimento delle emissioni e l’ottimizzazione dei processi di economia circolare.

Il progetto, denominato “Super Grip” nasce nel 2020 da uno studio sperimentale per la realizzazione di pavimentazioni stradali innovative e a basso impatto ambientale. Lo studio si è sviluppato sulla base di analisi di laboratorio che hanno avvalorato con continuità e riscontri positivi questa nuova tecnologia, sotto il coordinamento e la supervisione di Anas.