Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Il Governo vuole potenziare la rete delle metropolitane italiane

Il Governo vuole potenziare la rete italiana tranviaria e delle metropolitane. L’indicazione è arrivata dal Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Graziano Delrio che, a Torino, ha visitato il cantiere dell’ormai quasi ultimato asse del nuovo Viale della Spina che unisce da est ad ovest la città coprendo il vecchio trincerone della ferrovia.

“Il Governo – ha spiegato Delrio -, ha predisposto un piano di sviluppo inserito nel Def che prevede il potenziamento della rete tranviaria e delle metropolitane, lo porteremo avanti con decisione”.

Ricordando la presenza delle città metropolitane, Delrio ha poi affermato come queste “siano straordinarie opportunità di ripresa economica del Paese, lo Stato ha bisogno di investire nelle città in mobilità sostenibile, ci sono problemi burocratici ma sono fiducioso che ce la faremo”.

Parlando della situazione del trasporto pubblico di Torino, Delrio ha poi spiegato che “tra le cose da risolvere a breve ci sono il prolungamento della linea 1 della metropolitana e il progetto della linea 2. C’è piena sintonia con le amministrazioni locali, buona parte degli ostacoli burocratici sono stati risolti e siamo fiduciosi che riusciremo a risolverli tutti”.

Sempre in tema di trasporti e viabilità del capoluogo piemontese, il Sindaco Piero Fassino, presente al sopralluogo del Ministro, ha sottolineato che “il 9 maggio si concluderà il bando di gara per la progettazione della linea 2 della metropolitana torinese”. Il Sindaco ha poi spiegato che ci vorrà circa un anno per la progettazione esecutiva e che nella seconda metà del 2017 il cantiere del primo lotto potrebbe essere aperto. Mentre Stefano Esposito – Vicepresidente della Commissione Trasporti al Senato, presente all’incontro, -, ha evidenziato l’importanza del fatto che nel Def sia presente tra le opere rilevanti il prolungamento della linea 1.

Il Codice degli appalti

Il sopralluogo a Torino è stata anche l’occasione per il Ministro Delrio di tornare sul significato del nuovo Codice appalti. “L’Italia – ha detto il Ministro -, ha bisogno di buoni progetti, di capacità progettuale. Il Codice degli appalti, appena licenziato grazie a un lavoro collettivo, apre una nuova stagione dei lavori pubblici in Italia. Semplifica le procedure, accorcia i tempi, mette al centro imprese e progetti, contrasta la corruzione”.

Delrio ha poi aggiunto che il Governo è fiducioso “che il gap infrastrutturale e le opere incompiute diventeranno un ricordo perché abbiamo messo in campo una programmazione molto solida. In pochi giorni abbiamo parlato del passante ferroviario di Bologna e di Torino. Da qui – ha concluso – parte un messaggio forte: il Paese ce la fa e ce la può fare sempre di più”.