Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

Per un’Europa sempre più interconnessa

La Commissione Europea ha pubblicato il suo rapporto intermedio sul meccanismo per collegare l’Europa

Per un’Europa sempre più interconnessa

Lo sviluppo di infrastrutture che uniscono

La politica dell’UE in materia di infrastrutture ha tre dimensioni principali:

  • la pianificazione comune a lungo termine dello sviluppo di infrastrutture, per quanto riguarda sia la sua portata geografica che le caratteristiche tecniche (con approcci diversi adeguati a ciascun settore);
  • un insieme di misure normative dirette ad agevolare gli investimenti;
  • uno strumento di finanziamento specifico, il meccanismo per collegare l’Europa.

Con la pianificazione a lungo termine è possibile preparare una riserva di progetti negli Stati membri, mentre la possibilità di ricevere aiuti per gli investimenti con chiara dimensione europea consente di sviluppare reti più integrate.

Ad esempio, nel settore dei trasporti la possibilità di sostenere le principali tratte transfrontaliere delle infrastrutture agevola lo sviluppo di un approccio per corridoi tra gli Stati membri, portando a una pianificazione coerente delle tratte nazionali.

Nel settore dei trasporti, è stata data priorità ai progetti volti a creare o migliorare i collegamenti transfrontalieri, a completare le connessioni mancanti e a eliminare le strozzature.

Si tratta di progetti riguardanti tratte fisiche della rete o programmi a livello di UE volti a sviluppare sistemi di gestione del traffico efficienti, interoperabili e più sicuri per i diversi modi di trasporto. L’obiettivo di finanziamento “MCE Trasporti” relativo alle infrastrutture di trasporto transfrontaliero rappresenta l’86 % dei finanziamenti attualmente assegnati al settore dei trasporti (18,35 miliardi di Euro).

Tra gli esempi figurano il Fehmarnbelt (un tunnel multimodale tra Danimarca e Germania – si veda “S&A” n° , https://www.stradeeautostrade.it/gallerie-e-tunnelling/fehmarnbelt-fixed-link-ponte-o-galleria/, “S&A” n° 128 Marzo/Aprile, https://www.stradeeautostrade.it/gallerie-e-tunnelling/la-costruzione-del-fehmarnbelt-fixed-link/, “S&A” n° 130 Luglio/Agosto e articolo a pag. 48), il progetto Rail Baltica, che migliorerà i collegamenti Est-Ovest tra Polonia, Lituania, Lettonia ed Estonia, e la realizzazione di SESAR (la ricerca sulla gestione del traffico aereo nel Cielo Unico Europeo).

Infine, l’MCE sta apportando un contributo molto concreto all’ambizione di realizzare uno spazio unico europeo dei trasporti. Le stime della Commissione rivelano che le necessità di investimento nella rete centrale TEN-T ammontano a 750 miliardi solo fino al 2030 e a circa il triplo se si considera la rete globale e altri investimenti nei trasporti, in settori quali il trasporto urbano, la digitalizzazione e la manutenzione.