Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Comunicazioni del passato e risorse innovative per Smart Cities e sostenibilità

Innovazioni per strade e sottoservizi grazie a rilievi tridimensionali attraverso macchine ad alto rendimento per la modellazione stradale

sfondo boviar

L’innovativo sistema di recupero e sostituzione dell’infrastruttura telefonica rappresenta un rinnovamento associabile alle Tecnologie No Dig di nuova posa, ove si condividono i principi di abbattimento degli scavi, facilitazioni nella richiesta permessi, recupero ambientale e abbattimento delle emissioni, il tutto con il minimo disturbo della struttura stradale.

Come il georadar cambia la percezione del sottosuolo unitamente alle innovazioni di rilievo LIDAR? I sistemi di guida autonoma hanno recentemente avuto un nuovo sviluppo grazie all’invenzione di un LIDAR di nuova concezione che lavora con multisensori e multi tecnologie operanti in modo continuativo e non ad intervalli determinati, sistemi grazie ai quali le risposte dati in fase di rilievo sono state definite in tempo reale.

Questo balzo tecnologico avrà ricadute anche sui sistemi di rilievo topografico stradale, e in particolare nell’ambito del Catasto di superficie e sue modellazioni da connettere al catasto dei sottoservizi.

Dal 1999, in Italia si parla e si scrive nell’ambito delle procedure per il Piano Urbanistico di Gestione dei Sottoservizi in Sottosuolo, anche Associazioni di primo piano nel settore delle Utilities, come lo IATT, promuovono continuamente la divulgazione e l’uso delle tecnologie di posa innovative, ma come rendere sostenibile la creazione sistematica di un catasto dei sottoservizi?

Sicuramente dovremo considerare le seguenti particolarità:

  • adeguata considerazione delle forme architettoniche delle città e dei Paesi italiani;
  • occorre altresì intensificare la creazione di un protocollo d’intesa catastale su base europea, in particolare per la creazione di database relazionali implementabili su sistemi di analisi dati fondati su sistemi “AI”;
  • utilizzare le risorse di finanziamento derivanti da attività virtuose come il recupero di cavi esistenti e loro contestuale sostituzione, convogliando ricerche e sviluppo sia nella diagnostica dedicata sia nella ricerca di sistemi sempre più efficaci per riadattare i cavi non più attivi evitando rotture per tubazioni limitrofe e/o allacci trasversali con sviluppo del settore No-Dig;
  • altro virtuosismo è individuabile in un sistema di Change & Recharge, ovvero sostituzione cavo rame telefonia con tubi guaina utili per la diffusione di cavi elettrici idonei alla fornitura di energia agli Hub di ricarica, in particolare dove non ci sono centri ad alta urbanizzazione.

L’innovativo processo diagnostico, di recupero e sostituzione infrastrutture rappresenta l’integrazione perfetta per la sostenibilità delle attività di posa delle nuove reti intelligenti, aumentando la competitività e il livello tecnologico dell’infrastruttura stradale.