Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

Comunicazioni del passato e risorse innovative per Smart Cities e sostenibilità

Innovazioni per strade e sottoservizi grazie a rilievi tridimensionali attraverso macchine ad alto rendimento per la modellazione stradale

Comunicazioni del passato e risorse innovative per Smart Cities e sostenibilità

Dal 2015 al 2016 la Tecnologiepm Srl ha iniziato una ricerca specifica per la costruzione di un sistema diagnostico inerente la ricerca e la rilevazione plano-altimetrica delle ormai dismesse linee telefoniche.

L’innovativo processo è costituito da hardware e algoritmi basati su sistemi di rilevazione software con analisi degli antichi e più probabili tracciati di posa di questa infrastruttura, sull’impiego di tecnologie che rintraccino toni/radiofrequenze indotte e su un innovativo sistema di analisi delle masse di piombo e rame, costituenti primari di queste tubazioni. L’analisi delle masse metalliche è associata alla tecnologia di rilievo del sottosuolo attualmente maggiormente accreditata e di sempre più crescente diffusione, il “Ground Penetrating Radar”.

L’impiego di un georadar Hi Mode multifrequenza (della IDS SpA, per esempio), utilizzato con l’autorevole supporto della Boviar Srl e associato ai processi diagnostici stratificati descritti, sta consentendo la rilevazione di svariate centinaia di chilometri di rete telefonica in rame dismessa, cartografata in ambiente GIS appositamente creato.

La ricerca è stata finanziata interamente all’interno della Società, con il reinvestimento dei fondi per il Credito d’Imposta per l’innovazione tecnologica e di processo e per il tramite di commesse private. L’innovazione riveste un carattere ambientale di sostenibilità di primaria attenzione e di duplice sviluppo:

  • l’individuazione del cavo telefonico dismesso posizionato nel setto stradale e nelle sue prossimità, associato allo studio e all’applicazione di innovativi sistemi di estrazione dello stesso con il minimo dell’effrazione del manto stradale. Ciò consente l’estrazione di metalli come il rame, sempre più richiesto e con i giacimenti in forte riduzione, e come il piombo, il cui recupero è fonte di beneficio per l’ambiente comparabile alla riduzione delle emissioni di CO2 da fonti di energia rinnovabile;
  • estrarre l’antico vuole anche dire inserire il nuovo: è con questo principio che si può sostituire l’ex cavo telefonico con nuove tubazioni adatte all’inserimento delle fibre ottiche di ultima generazione. L’antico finanzia il moderno e consente di estendere e di innalzare di molto la diffusione delle connessioni internet e la velocità delle stesse, portando i servizi al cittadino in modo democratico ovunque e con le stesse performance, aiutandoli nella diffusione e crescita delle proprie attività professionali. La fibra sotto la strada si candida a essere anche il sensore maggiormente diffuso nell’ambiente abitato, viste le sue caratteristiche sempre più multifunzionali. Essa rappresenta la più grande infrastruttura predittiva per eventi di dissesto geomorfologico e sismico, come evidenziato dalle prime risultanze degli studi della Stanford University. Inserire questo corpo intelligente nelle strutture stradali che si sviluppano su ponti, viadotti, rilevati, corpi a terra è la mission gestionale principale per ogni Paese che si candida ad essere tra i promotori dell’innovazione.