Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Sorveglianza e manutenzione delle opere d’arte autostradali

L’esperienza di Spea Engineering SpA nella manutenzione del patrimonio: conoscenza, ispezione e sorveglianza

sfondo spea

Il contesto normativo

Il controllo delle opere d’arte stradali è regolato in Italia dalla seguente Normativa:

  • Circolare Min. LL.PP. 6736/61 del 19.07.1967 “Controllo delle condizioni di stabilità delle opere d’arte stradali”;
  • Circolare Min. LL.PP. 220977 del 11.11.1980 “Istruzioni relative alla Normativa tecnica sui ponti stradali”;
  • Circolare Min. LL.PP. 34233 del 25.02.1991 “Istruzioni relative alla Norma sui ponti emessa con il DM 4/05/1990”;
  • D.M. delle Infrastrutture e dei Trasporti del 14.01.2008.

La Legislazione vigente definisce le modalità di esecuzione delle ispezioni, prevede l’istituzione e il mantenimento di database aggiornati, stabilisce i principi fondamentali per la valutazione della sicurezza e per l’identificazione delle prestazioni delle strutture, istituisce la vita nominale di progetto delle opere e, non da ultimo, chiarisce gli obblighi dei Gestori.

Le cause del degrado delle opere d’arte stradali

I manufatti sono soggetti ad un invecchiamento dovuto all’utilizzazione, nonché a fattori ambientali esogeni.

Le cause che determinano il deterioramento dei ponti possono essere attribuite a molteplici e concomitanti fattori; una prima distinzione si può operare tra i difetti che sono legati alla struttura vera e propria (quindi specifici di un singolo ponte o anche, e più frequentemente, di una determinata tipologia), da quelli dovuti a fattori esterni.