Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Nuove aperture sul Quadrilatero

Lo scorso 7 Agosto è stato dato traffico alla nuova carreggiata a cavallo del confine umbro-marchigiano, mentre proseguono sull’adiacente sede storica i lavori di ammodernamento che consentiranno il raddoppio dell’arteria

Quadrilatero

In occasione dell’apertura al traffico della S.S. 318 var, avvenuta il 28 Luglio 2016 (si veda “S&A” n° 119 Settembre/Ottobre 2016 con  http://www.stradeeautostrade.it/infrastrutture/strade-e-autostrade/2016-10-13/completato-il-lato-sud-del-quadrilatero-55331/ e “S&A” n° 135 Maggio/Giugno 2019 con https://www.stradeeautostrade.it/strade-e-autostrade/il-punto-sulla-pedemontana-delle-marche/), venne identificata nella fine del 2017 la data per il completamento dell’intero asse Perugia-Ancona a doppia carreggiata.

Tale scadenza è stata ora spostata al primo semestre 2018, ma nel frattempo si stanno comunque compiendo “passi importanti verso il completamento della nuova direttrice”, come ha evidenziato il Presidente di ANAS, Gianni Vittorio Armani.

Sul lato Nord del Quadrilatero sono attualmente a singola carreggiata il tratto tra la galleria Picchiarella e lo svincolo di Casacastalda sulla S.S. 318 var, e i tratti Fossato di Vico-Cancelli e Albacina-Serra San Quirico sulla S.S. 76.

Per questi ultimi è stata prevista la realizzazione di una nuova carreggiata e l’adeguamento a norma della carreggiata esistente, che a lavori conclusi consentiranno di usufruire di una strada con caratteristiche di extraurbana principale.

  • Gallerie
    quadrilatero 1
    Il portale orientale della galleria Cancelli
  • Marche
    quadrilatero 2
    La galleria Valtreara dallo svincolo di Gattuccio-Valtreara
  • Pedemontana
    quadrilatero 3
    Il portale meridionale della galleria Serre, sulla Pedemontana delle Marche

In quest’ottica, lo scorso 7 Agosto, è stata aperta la traffico la nuova carreggiata della Statale “della Val d’Esino” tra Fossato di Vico e Cancelli (dove si innesta sull’esistente tratto che by-passa a Sud Fabriano), nonché un tratto di 2 km tra Albacina e Serra San Quirico. Su questi tratti si transita in configurazione provvisoria a doppio senso di marcia.

Le opere

In territorio umbro, dallo svincolo di Fossato di Vico di interconnessione con la S.S. 3, la nuova carreggiata lascia a Sud la sede storica per affrontare la galleria Collalto (234 m), proseguendo poi parallelamente alla S.S. 76 per poco meno di 1 km. Il tracciato piega poi verso Est imboccando in rapida successione le gallerie Le Silve 1 (199 m) e Le Silve 2 (664 m) e quindi, dopo un breve viadotto, la galleria Valico di Fossato (2.856 m), all’interno della quale è situato il confine regionale con le Marche.

Questo tunnel è attualmente il più lungo dell’asse Perugia-Ancona, e secondo per lunghezza al solo tunnel Varano (3.471 m) sull’intero Quadrilatero, in attesa dell’apertura al traffico della galleria Gola della Rossa (si veda “S&A” n° 124 Luglio/Ottobre 2017). Al termine della galleria è situato lo svincolo di Campodiegoli-Cancelli, che permette l’interscambio con la S.P. 16; la nuova carreggiata prosegue poi nella galleria Cancelli (455 m), alla quale fa seguito un’opera di scavalco della linea ferroviaria Orte-Falconara, per poi allacciarsi – a circa 7,5 km da Fossato di Vico – al tratto esistente a doppia carreggiata, poco prima dello svincolo di Fabriano Ovest.

Da quanto detto, si evince che le cinque gallerie coprono complessivamente poco meno del 60% del tracciato. Il nuovo tratto di 2 km aperto tra Albacina e Serra San Quirico si snoda invece a cavallo dello svincolo di Gattuccio-Valtreara, a Nord del quale sono stati aperti al traffico il viadotto Gattuccio e l’omonima galleria (300 m). A Sud del succitato svincolo è ora percorribile anche la nuova galleria Valtreara (850 m).

I prossimi passi

Come accennato in precedenza, nell’attuale configurazione provvisoria il transito sarà consentito su due corsie, una per ogni senso di marcia. La sezione stradale in configurazione definitiva sarà composta da due corsie da 3,75 m per ogni senso di marcia, due banchine laterali da 1,75 m e due da 0,5 m oltre allo spartitraffico centrale da 2,5 m, per una larghezza totale di 22 m.

“È un passo importante – ha affermato Gianni Vittorio Armani – verso il completamento della direttrice, dalla quale ci attendiamo benefici importantissimi per il territorio, come già in parte sperimentato lo scorso anno con l’apertura del tratto umbro della Perugia-Ancona nonché con l’apertura dell’altra direttrice Foligno-Civitanova Marche.

Già con questa apertura parziale – ha concluso – ci saranno importanti benefici per il traffico che non sarà più soggetto a interruzioni e semafori, oltre a transitare su un’opera progettata secondo standard moderni”.

“L’apertura della nuova carreggiata – ha inoltre affermato Guido Perosino, Amministratore Unico della Società Quadrilatero – ha richiesto un investimento di 93 milioni di Euro e ci consente di eseguire le opere necessarie per l’ammodernamento della vecchia strada parallela, che costituirà la carreggiata Nord.

Il completamento di entrambi i tratti Fossato di Vico-Cancelli e Albacina-Serra San Quirico è previsto nel primo semestre del prossimo anno, per un investimento complessivo di 385 milioni di Euro”.

Sono nel frattempo iniziati i lavori per la Pedemontana delle Marche, il collegamento tra Fabriano e Muccia che consentirà la connessione tra i lati Nord (S.S. 76) e Sud (S.S. 77) del Quadrilatero. Il primo lotto, tra lo svincolo di Fabriano Est e Matelica (10 km), sta prendendo forma, ed è a buon punto lo scavo della galleria Serre, di poco meno di 1 km, nei pressi di Cerreto d’Esi.

>  Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti alla Newsletter mensile al link http://eepurl.com/dpKhwL  <