Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Adeguamento e sicurezza della S.R. 325

Gli interventi principali realizzati nel contesto dell’appalto del 2° Lotto

sfondo regione

Gli interventi realizzati

Trattandosi in gran parte di lavorazioni che hanno interessato la strada esistente, l’ottenimento degli obiettivi prefissati è stato ottenuto mediante un mix di interventi riconducibili ad attività di manutenzione straordinaria (per esempio, rifacimenti del pacchetti stradali, compresa la sostituzione degli elementi profondi del corpo stradale, risanamento di muri, ripristino dei sistemi di raccolta e smaltimento acque di piattaforma) e a lavorazioni di realizzazione di vere e proprie nuove opere.

Per coniugare le finalità di maggiore sicurezza sia dei pedoni che dei veicoli, gli allargamenti e le rettifiche stradali sono stati utilizzati, in parte, per ricavare spazi sufficienti per l’inserimento di marciapiedi (con guardrail a protezione) e impianti di pubblica illuminazione a led. In ambito urbano sono state sempre garantite corsie da 3,50 m e banchine laterali di larghezza minima 0,50 m, mentre nei tratti extraurbani la larghezza delle banchine è stata portata fino a 1,25 m.

La situazione tipica della strada prima degli interventi è: mancanza di camminamenti pedonali, assenza d’illuminazione, assenza di barriere laterali di ritenuta, oppure, nella migliore ipotesi, presenza di fatiscenti muretti a sassi a protezione dei veicoli in svio. Nella fattispecie, si è operato allargando la strada lato monte mediante l’inserimento di muri in terra rinforzata; la maggiore larghezza della sede è stata sfruttata, in parte, per inserire un nuovo marciapiede protetto e l’illuminazione a led. Sulla sommità del muro in terra rinforzata è stato realizzato un cordolo in cls sul quale è stato installato il guard rail.

In altre situazioni sono state rettificate curve a raggio stretto, destinando parte degli allargamenti alla creazione di piazzole di sosta. Anche in questo caso si è proceduto con l’installazione di nuovi guardrail (sia su manufatto che rilevato), al risanamento del pacchetto stradale e al recupero dei muri esistenti lato monte (mediante idropulizia e operazioni di cuci-scuci).