Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

La lunga strada per raggiungere la variante all’abitato di Palizzi

Il cammino che ha portato alla realizzazione dell’opera sulla S.S. 106 “Jonica” è iniziato nel 2001 con la Legge Obiettivo e, a seguito dell’iter procedurale, il progetto definitivo per l’appalto integrato ha visto la luce nel Febbraio del 2004

sfondo palizzi

È il 23 Luglio 2019 quando i primi automobilisti percorrono la nuova variante all’abitato di Palizzi della S.S. 106 “Jonica”, eseguita dalla De Sanctis Costruzioni SpA.

Circa 4 km, tra gallerie e viadotti, si stagliano a ridosso del blu dello Jonio, tra il verde delle pendici meridionali dell’Aspromonte e il bianco dei calanchi attraversando una vallata che si apre verso il mare, e si immergono nel cuore della Calabria grecanica, in un’area a elevato pregio naturalistico. 

L’attesa

Nel 2004 viene espletata la gara d’appalto con successivo affidamento e consegna del lavoro al precedente Aggiudicatario nell’Agosto 2006 e con ultimazione prevista per il 26 Maggio 2009.

Per capire cosa sia accaduto in tutti questi anni occorre fare un passo indietro al 3 Dicembre 2007: i lavori procedevano nel rispetto del cronoprogramma, per un avanzamento di circa il 7%, quando la frana del versante Sud-Ovest del promontorio Sant’Antonino coinvolge l’omonima galleria in fase di costruzione.

  • Jonica
    1 palizzi
    Il crollo della galleria Sant’Antonino
  • Crollo
    2 palizzi
    Il viadotto Palizzi
  • Viadotti
    3 palizzi
    Una panoramica del viadotto Simmero
  • Spritz-beton
    4A palizzi
    L’imbocco della galleria Peristeri

A seguito del crollo della galleria, l’11 Febbraio 2008 l’Autorità Giudiziaria pose sotto sequestro il cantiere, che sarebbe rimasto fermo per circa un decennio.

Continuano intanto le indagini e le attività delle Amministrazioni Locali, dell’ANAS e dei Progettisti. Nel 2011 viene approvato il nuovo Progetto Esecutivo che, a seguito del fenomeno di dissesto, integra e varia il precedente e l’ANAS SpA risolve il contratto con il precedente Appaltatore, per poi aggiudicare – tramite procedura di gara nell’ambito dei finanziamenti disponibili – un primo stralcio funzionale alla De Sanctis Costruzioni.

Il 6 Agosto 2015, i lavori vengono consegnati e dopo una lunga attesa il cantiere finalmente riparte.  

Il contesto: la S.S. 106 “Reggio-Taranto”

Il progetto rientra nel più ampio intervento programmato dall’ANAS per il completamento – in parte su nuova sede e in parte tramite ampliamento e ammodernamento dei tratti esistenti – della S.S. 106, con origine a Palizzi Marina (km 50+000) e termine a Caulonia Marina (km 123+800), a sua volta facente parte del più esteso itinerario Corridioio Jonico-Taranto-Sibari-Reggio Calabria.

La nuova viabilità si inserisce in continuità con il tratto della variante di Bova, già aperto al traffico nel mese di Marzo 2004, e con il tratto della variante di Palizzi, Lotto 1, realizzata con precedente appalto, con l’obiettivo di migliorare gli standard di servizio, innalzare il livello di sicurezza con costi e tempi sostenibili riducendo nel contempo l’impatto ambientale dell’infrastruttura e determinando una positiva ricaduta economica sul territorio.

L’elevata strategicità dell’opera e le problematiche riscontrate durante il precedente appalto hanno tenuto forte l’attenzione delle Autorità Locali, della Prefettura, delle Forze dell’Ordine e dei Sindacati che hanno collaborato attivamente per garantire lo svolgimento dei lavori in un contesto di massima legalità e trasparenza.

Il tracciato

La realizzazione della nuova S.S. 106 “Jonica”, variante all’abitato di Palizzi dal km 49+485 al km 51+750, rappresenta il secondo lotto del collegamento tra Bova Marina e lo svincolo a Est di Palizzi Marina, in provincia di Reggio Calabria.

Oggetto dell’appalto eseguito dalla De Sanctis Costruzioni è la carreggiata di monte, unitamente ai viadotti di valle, 1° stralcio funzionale del progetto generale di una Strada Extraurbana Principale (tipo B), con carreggiate separate a due corsie per senso di marcia.

Il tracciato si estende per 3,7 km, superando la fiumara Palizzi e la fiumara Simmero con due viadotti a travata continua e attraversando i rilievi a tergo dell’abitato di Palizzi, per circa 2 km di lavori in sotterraneo mediante la realizzazione di quattro gallerie naturali (Palizzi, Ambusena, Sant’Antonino e Peristeri) e innestandosi sulla attuale Strada Statale con una rotatoria. 

Le opere d’arte maggiori

Il viadotto Palizzi e il viadotto Simmero si sviluppano al di sopra delle omonime fiumare con una struttura a travata continua rispettivamente di dieci campate, per una lunghezza complessiva di 280 m, e sei campate per una lunghezza complessiva di 164La luce è pari a 24 m in corrispondenza delle spalle e a 29 m per le campate centrali.

Gli impalcati di entrambe le opere sono costituiti da cinque travi a “T” in precompresso poggiate in corrispondenza delle pile e delle spalle e successivamente collegate tra loro longitudinalmente, determinando la continuità strutturale degli impalcati stessi.

La galleria Palizzi Marina e la galleria Ambusena si estendono rispettivamente per circa 440 m e 150 m, interamente nella formazione degli scisti biotitici per coperture massime di 80 e 20 m.

Con una estensione di circa 980 m, la galleria Peristeri rappresenta la principale opera d’arte del lotto che si sviluppa all’interno degli scisti biotitici e delle argille.

La galleria Sant’Antonino ha una lunghezza complessiva di circa 700 m, parzialmente realizzati “in artificiale” con successivo ritombamento, nell’ambito della rimodellazione, morfologica ed idraulica, del versante danneggiato dall’evento franoso del 2007.

Gli avanzamenti per la realizzazione delle canne sono stati eseguiti mediante significativi interventi di consolidamento con VTR al fronte e infilaggi metallici al contorno.

La successiva realizzazione dei prerivestimenti è avvenuta tramite la posa di armature centinate, talvolta comprensive dei necessari puntoni, opportunamente protette nella fase di costruzione con spritz beton.

Il rivestimento definitivo è stato ultimato mediante l’applicazione delle diverse sezioni tipologiche in c.a. con raggio interno di calotta pari a 6 m. 

  • Imbocco
    4B palizzi
    Un dettaglio dell'imbocco della galleria Peristeri
  • Scavo
    5A palizzi
    Il versante Sant’Antonino franato prima dei lavori
  • Versante
    5B palizzi
    Il versante Sant’Antonino franato durante i lavori
  • Galleria
    5C palizzi
    Il versante Sant’Antonino franato dopo i lavori

Le criticità

Le caratteristiche strutturali, lo sviluppo plano-altimetrico e la natura eterogenea degli interventi hanno reso l’opera estremamente articolata sia a livello progettuale che esecutivo, specie per gli interventi su strutture già in parte realizzate dal precedente Appaltatore.

Nel dettaglio, i viadotti risultavano eseguiti fino alle travi di impalcato per alcune campate ma con le fondazioni ancora da iniziare per altre. Erano inoltre avviati gli scavi delle gallerie, così come saltuariamente si dimostravano eseguiti tratti di rivestimento definitivo.

Per l’usura e per l’adeguamento altimetrico dei viadotti, ad esempio, è stato necessario un delicato intervento di sollevamento di alcuni implacati che consentisse la sostituzione dei dispositivi di appoggio.

A causa delle caratteristiche geomorfologiche e dell’instabilità del versante lato Reggio Calabria, l’imbocco della galleria Palizzi Marina è stato realizzato mediante galleria artificiale ad “anello chiuso” in luogo della tipologia a “becco di flauto” prevista, al fine di garantire opportuni margini di sicurezza visto il rischio di caduta del materiale lapideo dall’alto e data la vicinanza con la galleria finestrata già esistente.

Particolare attenzione, in fase di realizzazione della galleria Ambusena, è stata necessaria a causa dei fenomeni di cedimento mostrati in fase di ripresa dei lavori, con evidenti smottamenti, legati anche a fenomeni meteo avversi.

Per la messa in sicurezza del versante, si è pertanto realizzata una paratia di pali di grande diametro (D1200), con allungamento della galleria artificiale rispetto a quanto inizialmente previsto.

La vicinanza di alcuni fabbricati, le basse coperture localizzate nonché l’asimmetria dei versanti hanno reso necessaria una puntuale attività di monitoraggio durante gli scavi, con avanzamenti a conci ridotti.

Nonostante le misure cautelative utilizzate già in fase di progettazione preliminare ed esecutiva, l’avanzamento della galleria Peristeri si è rilevato estremante complesso. Sin dalla fase di ripresa dei lavori, durante il secondo appalto si è reso necessario un intervento di messa in sicurezza di un fornello sul fronte lato Reggio.

Le caratteristiche geomorfologiche riscontrante durante lo scavo, i molteplici fenomeni di deformazione costantemente monitorati, nonché la presenza di un pozzo e di un fabbricato in zona a bassa copertura e le continue venute d’acqua hanno inoltre reso necessario, per entrambi i fronti, una intensificazione dei consolidamenti e un incremento in termini sia di prerivestimento che di rivestimento definitivo (riduzione dell’avanzamento in fase di scavo, riduzione della distanza dal fronte del rivestimento definitivo).

Lo scavo della galleria Sant’Antonino, a causa delle vicissitudini del 2007 sopradescritte, ha rappresentato un elemento di forte interesse ed investimento in termini di progettazione e di sforzi realizzativi per la stabilizzazione dei pendii dissestati e la ricostruzione della canna di monte.

La particolarità dello scavo è quella di avere ripercorso, con una sezione leggermente allargata, il vecchio tracciato in presenza di centine deformate a causa dell’evento franoso e tratti di arco rovescio precedentemente realizzati che è stato necessario demolire durante l’avanzamento. 

La galleria Sant’Antonino: il racconto

“Gli scavi procedono lenti, poiché in questo tratto di galleria c’è più ferro che terra da portar via. Le vecchie centine, accartocciate dalla furia della montagna, emergono dal fronte quasi a ricordarci – come se un minatore potesse mai dimenticarlo – che qui sotto non si scherza.

Quella vigilia di Santa Barbara la racconta qualche collega che c’era e furono tutti allontanati dalla galleria. Si erano sentiti strani rumori e il capo imbocco aveva comunicato di interrompere le attività. È andata bene così! Santa Barbara li ha protetti e nessuno è rimasto vittima del crollo. Si racconta che sia ancora sepolto solo qualche mezzo.

Intanto, protetti dalle nuove centine ben salde sopra le nostre teste, continuiamo, consci del pericolo ma determinati, metro dopo metro con il sole alle spalle, quando tutt’a un tratto l’escavatore al fronte si ferma, c’è qualcosa, non la solita centina.

Gli scavi continuano e dal ventre della galleria Sant’Antonino riemerge una pompa spritz quasi integra. Qualcuno ride incredulo, una gruppo si attiva per spostare il veicolo, altri si avvicinano curiosi, scattano foto; ma ecco la squadra pronta per il cambio turno.

Il lancista scende dal furgone e resta immobile, attonito, poi si fa spazio tra gli altri e corre verso il mezzo rigurgitato. Si avvicina, ci sale sopra e ne riesce con in mano un borsello e gli occhi pieni di lacrime.

Il silenzio è rotto solo da un applauso, non c’è bisogno di dire nulla, non serve spiegare. Basta guardarlo lì, in ginocchio di fronte a quella pompa, la sua. Dieci anni fa lui c’era, era su quella macchina fino a poche ore prima del crollo, quando il Responsabile lo aveva messo in guardia.

Per spiegare che il borsello lo aveva dimenticato preso dall’ansia di allontanarsi, per scherzarci su, per raccontarlo ai ragazzi del prossimo turno e rallegrarsi ci sarà tempo dopo. Ora è meglio tacere, condividere quest’emozione. Siamo minatori, di poche parole, rudi. Ma oggi siamo solo uomini grati”. 

  • Anas
    6 palizzi
    L’abbattimento dell’ultimo diaframma della galleria Sant’Antonino
  • Variante
    7 palizzi
    La pompa spritz rinvenuta durante gli scavi del tratto franato della galleria Sant’Antonino
  • Inaugurazione
    8 palizzi
    Lo svincolo Est
  • Palizzi
    9 palizzi
    L’inaugurazione della S.S. 106 “Palizzi” (photo credit: ANAS SpA)

Conclusioni e prospettive future

L’opera ha consentito di alleggerire sensibilmente i flussi di traffico – specialmente di mezzi pesanti – nei centri abitati dei paesi che si sviluppano lungo il litorale jonico, con sensibili miglioramenti in termini di impatto ambientale e di sicurezza degli utenti. La riduzione dei tempi di percorrenza e la migliore fruibilità dell’opera ben si prestano allo sviluppo locale economico di natura prevalentemente turistica. Si tratta però di un risultato parziale che potrà essere pienamente efficace solo con il raddoppio della carreggiata.

Tutti i soggetti interessati hanno profuso il massimo impegno per raggiungere l’obiettivo, che appare quanto mai possibile, di riuscire a vedere a strettissimo giro l’inizio dell’ultimo capitolo di questa lunga storia.

L’inaugurazione

All’inaugurazione dello scorso 23 Luglio, in provincia di Reggio Calabria, hanno preso parte anche Massimo Mariani, Prefetto di Reggio Calabria, Gerardo Mario Oliverio, Presidente della Regione Calabria, Dino Vurro, Direttore Progettazione e Realizzazione Lavori ANAS, e Adele Maio, Componente Commissione Straordinaria del Comune di Palizzi Marina. 

Dati tecnici

  • Stazione Appaltante: ANAS SpA
  • Project Manager: Ing. Pietro Cosentino
  • Progetto esecutivo: ATI S.T.E., Ingegneri Consulenti, Italiana Sistemi Srl e Stone SpA
  • Progetto esecutivo di dettaglio: Soil Srl ed Erregi Srl
  • Collaudo: Ing. Claudio De Lorenzo, Ing. Giuseppe Zanframundo e Dott. Eduardo Marino
  • RUP: Ing. Rocco Lapenta
  • Direzione dei Lavori: Ing. Paola Tripodi, Ing. Antonella Pirrotta (nominata in corso d’opera)
  • Responsabile Sicurezza: Geom. Giuseppe Carditello
  • Direzione di Cantiere: Ing. Andrea Paravati e Ing. Francesco Crocetto (nominato in corso d’opera)
  • Esecutori dei Lavori: De Sanctis Costruzioni SpA
  • Subappaltatori: Calabrasfalti Group Srl, Ciro Perna Srl, Costruttori SpA, Cristiano Gerardo, Cristiano Group Srl, Edil Soccavo Srl, FC Costruzioni Srl, Gaia Multiservizi, Gieffe Costruzioni Srl, Impresa Edile Di Emanuele Milena, Manutenzioni Stradali Srl, Mazzei Salvatore SpA, Micoma Srl, M.d.M. di Carmelo Maruca, Opere per il sottosuolo Srl, Parisi Antonio, Rullo Franco, Tecnobuilding Srl e Terina Costruzioni Srl
  • Importo dei lavori: 67.067.739,70 Euro
  • Durata dei lavori: 1.402 giorni
  • Data di consegna: 6 Agosto 2015
  • Data di ultimazione: 7 Giugno 2019

>  Se questo articolo ti è piaciuto, iscriviti alla Newsletter mensile al link http://eepurl.com/dpKhwL  <