Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

L’uomo che… guarda oltre la luce

Intervista all'Ing. Gavino Coratza, Condirettore della Direzione Generale Tecnica di ANAS SpA

“S&A”: “Lei ha effettuato un percorso lavorativo che l’ha vista protagonista in tutti i ruoli in ambito ANAS”.
“Gavino Coratza”: “È vero, ho ricoperto tutti i ruoli possibili per un Ingegnere all’interno della Società”. Ritengo inoltre che i requisiti per ben operare all’interno della Azienda in cui opero sono essenzialmente dedizione e costanza nel lavoro, che ha molte sfaccettature a volte anche complesse, non solo a livello tecnico, ma anche amministrativo.

Immagini

  • Il momento del taglio del nastro all’inaugurazione della variante alla S.S. 212 “della Val Fortore” il 28 Marzo 2012
    article_321-img_5400
    Il momento del taglio del nastro all’inaugurazione della variante alla S.S. 212 “della Val Fortore” il 28 Marzo 2012
  • article_321-img_5401
  •  Un momento dell’inaugurazione della variante di La Spezia alla S.S. 1 “Nuova Aurelia”
    article_321-img_5403
     Un momento dell’inaugurazione della variante di La Spezia alla S.S. 1 “Nuova Aurelia”
  • article_321-img_5404

“S&A”: “Oggi ANAS cambia volto: cosa significa e quali le differenze tra vecchia e attuale SpA?”.
“GC”: “Nel corso degli ultimi sei anni, ANAS SpA ha registrato ingenti cambiamenti in positivo che ne fanno oggi un’Azienda profondamente diversa da quella della prima parte degli anni 2000.
Sotto il profilo economico, negli ultimi tre esercizi, la Società ha ottenuto un risultato di bilancio positivo, dato ancora più rilevante se si considera il pesante disavanzo ereditato dalle precedenti gestioni”.

“S&A”: “In Italia ANAS gestisce strutture in esercizio pari a quanti chilometri? Qual è il numero di gallerie totali? Quante oltre i 500 m di lunghezza?”.
“GC”: “L’ANAS gestisce la rete delle Strade Statali per circa 23.265 km, e delle autostrade statali non a pedaggio e dei raccordi autostradali, pari a 1.278 km. Sulla rete stradale di competenza ANAS insistono in esercizio 1.235 Gallerie; quelle sopra i 500 m sono circa un terzo”.

“S&A”: “Qual è il vostro impegno in fatto di ricerca, sviluppo e sicurezza?”.
“GC”: “La sicurezza sulla strada riveste uno dei principali impegni di ANAS. La cultura della sicurezza coinvolge necessariamente più aspetti, ma dai dati e dagli studi statistici emerge, in modo inequivocabile, che il comportamento umano è la causa di oltre il 95% degli incidenti.
È quindi il comportamento dell’utente il primo fronte di intervento attraverso una costante e continua azione di prevenzione e di educazione che in particolare deve essere rivolta verso i giovani che, purtroppo, oggi rappresentano le principali vittime degli incidenti stradali”.

“S&A”: “Quali sono le ultime applicazioni relative all’innovazione in questo comparto stradale? E cosa pensa del D.Lvo. 264/06?”.
“GC”: “Per quanto riguarda gli aspetti legati alla sicurezza dei manufatti e alla loro manutenzione, l’ANAS ha investito molto negli ultimi anni per trasferire nell’opera stradale (e ancor prima nel suo progetto) i risultati di una innovazione tecnologica volta a migliorare e incrementare la sicurezza.
Ancora nella propria attività di individuazione delle criticità della rete stradale si avvale degli innovativi macchinari e studi messi a disposizione dal Centro Sperimentale Stradale di Cesano. Il D.Lvo. 264/06, invece, è la Norma con cui l’Italia ha recepito la Direttiva Europea 2004/54/CE che fissa i requisiti di sicurezza per le gallerie stradali della rete transeuropea (TEN).
Il provvedimento, in vigore dal 10 Ottobre 2006, riconosce l’importanza di tre elementi fondamentali: la progettazione, l’adozione di impianti e misure di prevenzione atte a ridurre le situazioni critiche, l’utilizzo di misure di protezione in caso di incidente”.

“S&A”: “Può descriverci il famoso Fire Tunnel Mitigation System (FT-MS 666®)?”.
“GC”: “Il sistema FT-MS 666® realizza la modifica funzionale dell’impianto idrico antincendio attraverso l’installazione lungo la galleria di due linee di ugelli che erogano, su sezioni di lunghezza predefinita, un liquido estinguente efficace sulle tipologie di focolai possibili in galleria”.

“S&A”: “Sappiamo anche che ANAS è all’avanguardia per ciò che attiene le rilevazioni in tempo reale non solo della qualità dell’aria, ma anche di immagini, eventuali sinistri e principi d’incendio. Cosa dire?”.
“GC”: Abbiamo dotato, e stiamo dotando, la nostra rete stradale di una serie di dispositivi elettronici e di telecamere “intelligenti” in grado di fornire numerose informazioni alle nostre sale operative sul traffico e, quindi, sulla qualità del servizio delle nostre infrastrutture.

“S&A”: “Per concludere: esiste a sua avviso la galleria perfetta?”.
“GC”: Credo di no, ma il motivo e la risposta consequenziale dipendono esclusivamente dall’unico elemento incontrollabile: l’uomo. Bisogna guidare sempre con prudenza: in una galleria ancor di più”.