Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

In Georgia per lo sviluppo del sistema infrastrutturale

Oltre ad aggiudicarsi lo studio e la progettazione di due nuove tratte autostradali per un totale di 85 km, ANAS realizzerà tramite aie una serie di lavori nell’ambito della rete multimodale INSTC

sfondo georgia

L’INSTC, il ruolo della Georgia e la rete autostradale dell’Armenia

Più in generale, le attività di ANAS nell’area del Caucaso sono state focalizzate sull’International North-South Transport Corridor (INSTC), una rete multimodale lunga 7.200 km che dall’India raggiungerà l’Europa.

Lungo tale tracciato, e in particolare nella tratta da Mosca al Golfo Persico, ANAS International Enterprise ha acquisito, e ha in corso di acquisizione, una serie di lavori funzionali alla realizzazione del Corridoio.

L’International North-South Transport Corridor è nato con lo scopo primario di ridurre tempi e costi dei trasporti fra Russia, Asia Centrale, Iran e India, che secondo le previsioni degli analisti sono destinate ad accrescere il volume di traffico commerciale sia in entrata che in uscita grazie ai rispettivi accordi bilaterali.

L’accordo originario per il progetto INSTC era stato siglato nel 2000 e ratificato nel 2002 da Russia, Iran e India, ovvero i tre Paesi fondatori, cui si sono aggiunti nel tempo Azerbaijan (coinvolto in modo ampio per la realizzazione di nuove strade e linee ferroviarie), Armenia, Turchia, Kazakistan, Bielorussia, Tajikistan, Kirghizistan, Oman, Ucraina e Siria in qualità di Stati membro, e la Bulgaria come membro osservatore.

Pur non rientrando in questo elenco, la Georgia è il crocevia dei collegamenti tra Turchia, Russia e Iran, e ha un suo ruolo strategico nell’INSTC, che comprende diverse sezioni, tra cui quelle del Golfo Persico e porti del Mar Nero destinati a collegare Asia Centrale, Iran e la stessa Georgia.

Quest’ultima, con i suoi porti marittimi e i collegamenti autostradali con la Turchia, fa quindi parte ugualmente del corridoio, formando direttrici importanti con Armenia, Azerbaijan e Stati centro-asiatici. All’interno di tale scenario, AIE sta operando con una branch per lo studio, la progettazione e l’Environmental Impact Assessment di tratte autostradali.