Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il punto sulla Pedemontana delle Marche

Dopo la ripresa dei lavori sul Maxilotto 2, è stato definito un nuovo cronoprogramma per la direttrice Ancona-Perugia del Quadrilatero. Ne abbiamo parlato con l’Ing. Andrea Simonini, Responsabile del progetto infrastrutturazione viaria Quadrilatero Marche Umbria SpA

sfondo quad
“S&A”: “A che punto sono i lavori per la Pedemontana?”.

“AS”: “I lavori della Pedemontana delle Marche, da Fabriano (rotatoria Campo dell’Olmo) a Muccia (allaccio alla S.S. 77/Var) consistono nella realizzazione di una strada a unica carreggiata di categoria C1 (due corsie ognuna per ciascun senso di marcia), con sezione di 10,50 m e un’estensione complessiva di circa 36 km. L’opera è suddivisa in quattro stralci funzionali:

  1. primo stralcio funzionale Fabriano-Matelica: le opere d’arte principali consistono nella realizzazione di una galleria naturale di circa 911 m e cinque viadotti, per una lunghezza di circa 405 m. Sono previsti uno svincolo in corrispondenza del comune di Cerreto d’Esi e uno in corrispondenza del comune di Matelica Nord Zona Industriale). L’importo totale dell’investimento è di 90,17 milioni (interamente finanziato tramite Accordo di Programma Regione Marche – Del. CIPE 58/2012). I lavori sono in corso di esecuzione e sono giunti a uno stadio di completamento del 56%. Si prevede l’apertura al traffico del primo stralcio funzionale per la fine del 2019;
  2. secondo stralcio funzionale Matelica Nord-Castelraimondo Nord: le opere d’arte principali sono due gallerie, per una lunghezza complessiva di 1,8 km e cinque viadotti, complessivamente di 250 m. L’importo totale dell’investimento è di 90,18 milioni (interamente finanziato dalla L. 164/2014 “Sblocca Italia” – Del. CIPE 109/2015). Sono in corso le attività propedeutiche all’inizio lavori, la bonifica da ordigni bellici, espropri e interferenze, con un avanzamento contrattuale del 2%. Si prevede l’apertura al traffico del 2° Stralcio Funzionale per la fine del 2021;
  3. terzo e quarto stralcio funzionale Castelraimondo Nord-Camerino-Muccia: le opere d’arte principali consistono nella realizzazione di tre gallerie naturali per una lunghezza complessiva 1,7 km e sette viadotti per una lunghezza di circa 1,1 km. Il progetto definitivo è stato approvato dal CIPE con Delibera n° 43 del 25 Ottobre 2018, in corso di pubblicazione. L’importo totale dell’investimento è di circa 159 milioni e trova copertura finanziaria sull’aggiornamento del contratto di programma MIT/ANAS 2016-2020, a valere sulla Legge di Bilancio n° 205/2017 (Bilancio 2018). È prevista l’approvazione della Progettazione Esecutiva entro il 2019”.