Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il Lotto Sud di TEEM

La realizzazione del Lotto Sud (10 km) di Tangenziale Est Esterna di Milano ha innestato il turbo e, a fine 2014, supererà quota 70% delle opere ultimate

Il rispetto del cronoprogramma sta contraddistinguendo la trasposizione dalla carta millimetrata alla realtà di TEEM-A58.

Immagini

  • Le carreggiate autostradali del viadotto Lambro
    article_5089-img_2720
    Le carreggiate autostradali del viadotto Lambro
  • Il tracciato di TEEM-A58 da Agrate Brianza a Melegnano
    article_5089-img_2721
    Il tracciato di TEEM-A58 da Agrate Brianza a Melegnano
  • Una panoramica del cantiere principale del Lotto Sud
    article_5089-img_2722
    Una panoramica del cantiere principale del Lotto Sud
  • Gli impalcati per la connessione con la A1 in attesa del varo
    article_5089-img_2723
    Gli impalcati per la connessione con la A1 in attesa del varo
  • La sequenza dell’operazione di varo del collegamento tra TEEM-A58 e Autostrada del Sole A1 realizzato con il viadotto Lambro
    article_5089-img_2724
    La sequenza dell’operazione di varo del collegamento tra TEEM-A58 e Autostrada del Sole A1 realizzato con il viadotto Lambro
  • La sequenza dell’operazione di varo del collegamento tra TEEM-A58 e Autostrada del Sole A1 realizzato con il viadotto Lambro
    article_5089-img_2725
    La sequenza dell’operazione di varo del collegamento tra TEEM-A58 e Autostrada del Sole A1 realizzato con il viadotto Lambro
  • La sequenza dell’operazione di varo del collegamento tra TEEM-A58 e Autostrada del Sole A1 realizzato con il viadotto Lambro
    article_5089-img_2726
    La sequenza dell’operazione di varo del collegamento tra TEEM-A58 e Autostrada del Sole A1 realizzato con il viadotto Lambro
  • La sequenza dell’operazione di varo del collegamento tra TEEM-A58 e Autostrada del Sole A1 realizzato con il viadotto Lambro
    article_5089-img_2727
    La sequenza dell’operazione di varo del collegamento tra TEEM-A58 e Autostrada del Sole A1 realizzato con il viadotto Lambro
  • La sequenza dell’operazione di varo del collegamento tra TEEM-A58 e Autostrada del Sole A1 realizzato con il viadotto Lambro
    article_5089-img_2728
    La sequenza dell’operazione di varo del collegamento tra TEEM-A58 e Autostrada del Sole A1 realizzato con il viadotto Lambro
  • La sequenza dell’operazione di varo del collegamento tra TEEM-A58 e Autostrada del Sole A1 realizzato con il viadotto Lambro
    article_5089-img_2729
    La sequenza dell’operazione di varo del collegamento tra TEEM-A58 e Autostrada del Sole A1 realizzato con il viadotto Lambro
  • Un rendering panoramico delle aree di servizio di Paullo
    article_5089-img_2730
    Un rendering panoramico delle aree di servizio di Paullo
  • Un rendering dei parcheggi dedicati ai mezzi pesanti
    article_5089-img_2731
    Un rendering dei parcheggi dedicati ai mezzi pesanti

Ciò avviene per il Lotto Sud così come nei Lotti Nord (6,2 km) e Centro (15,8 km).

Facendo entrare in esercizio il 23 Luglio scorso arco, ovvero i 7 km da Liscate a Pozzuolo Martesana in assenza dei quali BreBeMi non avrebbe accesso alla viabilità ordinaria della Grande Milano, la Concessionaria Tangenziale Esterna SpA aveva del resto, già dimostrato di essere in grado di completare, entro la tarda primavera del 2015, l’intera tratta autostradale.

Stiamo parlando, ovviamente, dei 32 km da Agrate Brianza a Melegnano raccordati a Nord con l’A4 Torino-Trieste, al centro con la nuova “direttissima” Brescia-Milano e a Sud con la A1 Milano-Napoli.

Va sottolineato, comunque, che l’accelerazione degli ultimi mesi dei lavori nel Lotto Sud impressa dall’Azienda Capofila (Lambro Scarl del Gruppo Gavio) per conto del Consorzio Costruttori TEEM ha davvero dell’incredibile.

Sarebbe inutile negare che, nel 2013, qualche ritardo si era accumulato; ma dal Gennaio scorso in avanti il tempo perduto è stato recuperato. E con tanto di interessi. Tutti gli obiettivi di realizzazione sono risultati, difatti, centrati sull’onda del dipanarsi di alcune “notti bianche” delle infrastrutture che, a partire dall’inizio della scorsa estate, hanno consentito ai Tecnici di connettere la nuova arteria in avanzato stato di costruzione con l’Autostrada del Sole. Bisogna notare che gli interventi sono stati calendarizzati e attuati nell’ottica di ridurre al minimo i disagi per gli automobilisti indotti dalla chiusura al traffico dell’A1 dalle 22.00 alle 6.00 nel tratto Melegnano-Lodi.

La TEEM scavalca la A1

Il primo contatto ravvicinato con la Milano-Napoli è avvenuto il 18 Maggio scorso. Dalle 5.00 in poi TEEM-A58 e Autostrada del Sole sono state congiunte. All’alba è stato, infatti, portato a termine con successo il varo del primo ponte della Tangenziale che scavalcava le sei corsie dell’A1 in territorio di Riozzo (frazione di Cerro al Lambro). La posa sulle campate precedentemente allestite dello scheletro metallico di un viadotto da 220 t complessive ha riservato fasi spettacolari. Tanto che i lavori, eseguiti da Personale altamente specializzato, hanno richiamato l’attenzione di un inatteso pubblico. Attirati dalla luce delle fotoelettriche che illuminavano a giorno l’area di cantiere, centinaia di cittadini si sono infatti assiepati nei terreni prospicienti per assistere, in tutta sicurezza, a una sorta di appassionante show della modernizzazione.

Il clou della notte bianca s’è rivelato la millimetrica manovra eseguita da due gigantesche gru alte oltre 70 m e in grado di sollevare, grazie al sistema del contrappeso, 700 t. I macchinari hanno issato due conci in acciaio lunghi 28 m ciascuno e li hanno piazzati con precisione chirurgica in perfetto allineamento sulle campate già realizzate ai lati delle carreggiate Nord e Sud dell’A1.

È poi incominciata l’attività dei saldatori che, bullone per bullone e squarciando il buio con la fiamma ossidrica, hanno fissato i manufatti metallici sulle sedi in calcestruzzo armato. Però il ponte non riguardava direttamente l’avanzamento del tracciato autostradale di TEEM-A58 quanto la progressione delle opere viarie integrate all’infrastruttura-sistema. Il viadotto ha consentito, del resto, di by-passare la Milano-Napoli alla Strada Provinciale 17 “Sant’Angiolina”, arteria oggetto, come tante altre del Milanese, del Lodigiano e della Brianza, di riqualificazione finanziata dalla Concessionaria con fondi prevalentemente privati. Gli scavalcamenti dell’A1 esclusivamente legati al tracciato autostradale di TEEM apparivano, tuttavia, imminenti già il 18 Maggio scorso. Sono entrati nel vivo, d’altra parte, l’11 Giugno quando, nel corso di un’altra chiusura notturna nei due sensi di marcia dell’Autostrada del Sole nel tratto Melegnano-Lodi, è stata portata a termine con successo da 70 Tecnici supermotivati la posa della prima campata di TEEM-A58 che oltrepassava con tre corsie (più emergenza) la Milano-Napoli sempre in territorio di Riozzo.

L’operazione è risultata valorizzata non solo da momenti spettacolari ma anche dal ricorso a mezzi di cantiere ipertecnologici.

Ogni fase è stata pianificata in modo da garantire la massima sicurezza nonché da ridurre al minimo i disagi di automobilisti e residenti. Il varo del colossale impalcato sui piloni precedentemente allestiti nell’immediato sedime delle carreggiate Nord e Sud dell’A1 si è svolto presso il cantiere, illuminato a giorno dalla luce delle fotoelettriche, che è ubicato in prossimità del nuovo stadio di Riozzo, nella cui costruzione la Concessionaria ha investito cinque milioni di euro per risarcire alle comunità locali il danno causato dall’abbattimento del vecchio impianto sportivo venutosi a trovare nel bel mezzo di TEEM-A58.

Diverse fasi ugualmente complesse hanno esaltato la preparazione professionale dei Tecnici messi in campo. La spettacolarità dell’intervento, com’era successo per il ponte sull’A1 della S.P. 17 “Sant’Angiolina”, è giunta all’apice con l’entrata in scena di due mastodontiche gru alte 70 m e capaci di sollevare, in virtù del modulo di contrappeso adottato, oltre 800 t. Questi mezzi, intorno alle 2,30, hanno agganciato lo scheletro in acciaio del Viadotto Lambro Sud che, dopo la provvisoria rimozione del new-jersey tra le carreggiate Sud e Nord dell’A1, era stato “sdraiato” come un Titano addormentato a un’altezza di 1,70 m su due carrelloni radiocomandati che occupavano l’intera sede dell’Autostrada del Sole. Poi, in una manciata di minuti, le gru hanno issato in quota le 400 t del concio metallico e lo hanno sistemato con precisione certosina sui piloni già allestiti. La successiva comparsa dei saldatori ha scandito l’inizio della rifinitura di un intervento da manuale delle costruzioni, anche perché il viadotto Lambro supera pure il fiume e i binari delle reti ferroviarie.