Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Una nuova proposta della Commissione Europea sulla sicurezza delle infrastrutture stradali

L’Europa è in prima linea sulla sicurezza stradale attraverso il Terzo Mobility Package proposto dalla Commissione

sfondo crocco

La proposta di modifica non ha introdotto l’unificazione della Direttiva 2008/96/EC, riguardante la gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali, con la Direttiva 2004/54/EC, sulla sicurezza delle gallerie stradali, in quanto è stato valutato che l’operazione non avrebbe apportato alcun miglioramento di sicurezza e non avrebbe ridotto gli obblighi amministrativi collegati.

A questo proposito, la proposta di modifica ha previsto soltanto, all’Art. 6(3), l’obbligo di eseguire ispezioni congiunte delle zone di transizione tra le strade oggetto della Direttiva 2008/96/EC e le gallerie oggetto della Direttiva 2004/54/EC, in quanto in queste zone si concentrano in modo particolare gli incidenti.

Questa prescrizione mira a garantire un miglior coordinamento tra le Autorità Competenti responsabili della gestione della sicurezza stradale e della sicurezza dei tunnel.

I benefici

I principali benefici dell’azione dell’UE risiedono nella convergenza verso l’obiettivo strategico di dimezzare al 2020 i morti sulle strade, per confronto con il 2010, e di avvicinarsi all’obiettivo di averne zero al 2050.

Alla stesura del presente articolo ha collaborato il Dott. Leonardo Annese