Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il viadotto di Gran Manglar

Efficienza e basso impatto ambientale: così si costruisce il più lungo viadotto della Colombia

Prima di procedere con il posizionamento del pulvino, si esegue un rilievo per verificare che i pali abbiano raggiunto la quota di progetto: ove richiesto, gli stessi vengono tagliati. I tre conci che compongono il pulvino tipico vengono spostati singolarmente dal luogo di prefabbricazione fino al carro varo che ne consente la posa in opera. L’accoppiamento dei tre conci è reso possibile da barre di precompressione temporanea e, successivamente, attraverso cavi di precompressione definitiva.

Di seguito, si realizza un getto di connessione tra il pulvino e ciascuno dei pali in modo da garantire la continuità strutturale. Con procedura analoga a quella seguita per gli altri elementi prefabbricati, le tre travi ad U che costituiscono la campata tipica vengono a loro volta varate. Infine si procede al getto in opera dei diaframmi e della soletta mediante l’ausilio di lamiere grecate utilizzate come cassero a perdere. Al raggiungimento della resistenza minima del calcestruzzo necessaria per il trasferimento dei carichi temporanei generati dall’attrezzatura di varo, si procede alla rilocazione della macchina e alla naturale prosecuzione dei lavori di costruzione del viadotto.

I dettagli costruttivi

Il giunto meccanico di connessione dei pali rappresenta uno dei dettagli costruttivi fondamentali del progetto, in quanto ha consentito una notevole riduzione dei tempi di esecuzione del collegamento che tipicamente avviene mediante saldatura.

Oltre a un vantaggio nella cantierizzazione dell’opera, l’utilizzo di questi elementi permette un notevole miglioramento qualitativo in quanto tutti materiali sono soggetti a dei controlli di qualità direttamente all’origine, senza nessun apporto di materiale in condizioni sfavorevoli che abbisognerebbe di controlli in loco. La tecnologia è già ampiamente sviluppata dai palificatori nei cosiddetti pali “tradizionali” con diametri inferiori mentre risulta innovativa nei pali di queste dimensioni.