Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il viadotto di Gran Manglar

Efficienza e basso impatto ambientale: così si costruisce il più lungo viadotto della Colombia

Il posizionamento dei giunti è governato dai limiti di infissione imposti dalla attrezzatura utilizzata e che dipendono da vari fattori quali:

  • lunghezza del palo;
  • altezza della pila;
  • altezza del battente d’acqua.

I pali sono collegati in testa ad una struttura di transizione in calcestruzzo armato post-tesa (pulvino) che funge da elemento rigido di connessione e consente il trasferimento delle sollecitazioni derivanti dall’impalcato, mediante gli isolatori in gomma, ai pali stessi. Il collegamento tra i pali ed il pulvino si realizza mediante elementi in calcestruzzo armato gettato in opera che riempiono parzialmente la cavità superiore dei pali e si innestano negli appositi fori di dimensione maggiore al diametro interno dei pali, lasciati nel pulvino.

I pulvini sono realizzati in tre conci prefabbricati coniugati i quali vengono collegati tra loro mediante cavi di post-tensione prima dell’esecuzione del getto di connessione. Il comportamento strutturale del viadotto Come già accennato, l’impalcato è stato suddiviso in unità continue ciascuna formata da tre campate. Le campate sono rese continue dalla sola soletta che viene mantenuta indipendente (non solidarizzata) dalla trave per un tratto di lunghezza di circa 2 m in corrispondenza delle pile, consentendo la deformazione richiesta dai carichi mobili in campata.

Ciascuna unità continua è vincolata alle pile mediante isolatori in gomma armata (sei per campata). L’isolamento sismico è stato richiesto al fine di ridurre al minimo le sollecitazioni orizzontali in testa ai pali e quindi consentire di minimizzare il diametro esterno dei pali stessi. La struttura è stata analizzata mediante analisi spettrale tenendo conto della rigidezza effettiva degli isolatori e della rigidezza prevista del terreno per tutte le condizioni stratigrafiche incontrate. Nel progetto della struttura si è tenuto conto delle condizioni temporanee di costruzione, per altro dimensionanti ai fini del calcolo della capacità portante dei pali.