Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il viadotto di Gran Manglar

Efficienza e basso impatto ambientale: così si costruisce il più lungo viadotto della Colombia

Le caratteristiche del viadotto

Il concetto generale dell’opera

Il viadotto ha una lunghezza complessiva di 4.879 m e si compone di 129 campate di lunghezza tipica 37 m. La struttura del viadotto è interamente costituita da elementi prefabbricati in calcestruzzo armato e precompresso ad esclusione degli elementi di completamento (connessioni pali-pulvini, diaframmi) e delle solette di impalcato che sono in calcestruzzo gettato in opera. La scelta della prefabbricazione spinta è stata dettata dalla tecnologia utilizzata per la costruzione che a sua volta è stata condizionata dai vincoli ambientali dell’area.

L’impalcato

L’impalcato è costituito da travi prefabbricate pretese con sezione ad U collegate da una soletta gettata in opera e da diaframmi di estremità in calcestruzzo gettato in opera. Ciascuna campata è formata da tre travi poste ad interasse 3,75 m. La larghezza complessiva dell’impalcato nel tratto costante è di 11,70 m. Le campate sono semplicemente appoggiate e collegate alle pile mediante isolatori sismici in gomma armata. Le campate sono longitudinalmente collegate dalla sola soletta e formano gruppi di tre campate continue separate da giunti di dilatazione.

Le sottostrutture

Le pile tipiche sono formate ciascuna da sei pali prefabbricati pretesi circolari cavi di 1.000 mm di diametro esterno e 140 mm di spessore. I pali hanno lunghezza variabile tra 30 e 58 m in funzione della stratigrafia dei terreni. Alcuni pali vengono prefabbricati in un unico elemento mentre altri vengono prefabbricati in due elementi connessi da un giunto meccanico.