Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il ponte della Cittadella ad Alessandria

Indagini dinamiche di collaudo e verifica del comfort pedonale sull’opera meglio conosciuta come ponte Meier

sfondo gentile

La sezione resistente dell’impalcato stradale comprende quattro travi metalliche principali aventi sezione a doppio T e realizzate per composizione saldata. L’impalcato ciclopedonale (lato Sud) presenta sviluppo longitudinale curvilineo, concavo verso Nord, e ospita una piattaforma di larghezza variabile tra 15 m (in asse appoggi) e 5,8 m (mezzeria).

La sezione resistente dell’impalcato ciclopedonale comprende due travi metalliche principali aventi sezione a doppio T e realizzate per composizione saldata. Il grande arco metallico, caratterizzante l’architettura strutturale del ponte, presenta freccia di 32,5 m e inclinazione rispetto alla verticale di circa 21° verso Sud: con tale inclinazione, la proiezione in piano dell’arco corrisponde esattamente con la linea d’asse della trave di bordo dell’impalcato ciclopedonale.

La sezione trasversale dei conci che costituiscono l’arco presenta una forma pseudotrapezia completata superiormente da una calotta circolare. Il collegamento fra arco e strutture d’impalcato è realizzato mediante 26 funi spiroidali (pendini) che supportano i 13 diaframmi trasversali d’impalcato. Ogni traverso è sostenuto da una coppia di pendini, ove:

  1. gli elementi tesi inclinati hanno diametro di 104 mm e sono ancorati dalla parte dell’impalcato stradale;
  2. gli elementi tesi verticali hanno generalmente diametro di 56 mm e forniscono supporto all’impalcato ciclopedonale.

Com’è usuale, le funi spiroidali sono vincolate alle estremità per mezzo di capicorda.

Descrizione delle indagini sperimentali

La risposta in termini di accelerazione verticale è stata misurata in corrispondenza di cinque sezioni trasversali significative dell’impalcato: ogni sezione è stata strumentata mediante due sensori verticali montati sulle piattabande superiori dei diaframmi trasversali, in corrispondenza dei capicorda su cui si innestano i pendini.

Inoltre, è stata misurata la risposta in termini di accelerazione orizzontale in corrispondenza delle cinque coppie centrali di pendini verticali ed inclinati, ad una altezza di circa 5 m rispetto all’estradosso degli impalcati.