Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il nuovo ponte sul fiume Tagliamento

Realizzata nell’ambito dei lavori di ampliamento della Autostrada A4, l’opera si sviluppa per circa 1,5 km tra gli argini del fiume ed è costruita in adiacenza a quella esistente che sarà demolita

sfondo deal

La metodologia costruttiva 

La prefabbricazione

La prefabbricazione e lo stoccaggio dei conci in attesa di essere posti in opera sono stati effettuati presso un impianto temporaneo di cantiere, appositamente progettato e allestito in un’area di circa 33.000 m2 a lato del tracciato autostradale ed in prossimità dell’opera da realizzare, a poche centinaia di metri a monte della spalla Trieste del nuovo ponte sul Tagliamento.

La dotazione dell’impianto risponde alle necessità temporali di esecuzione dell’impalcato e consiste essenzialmente in:

  • un impianto di betonaggio della capacità produttiva di circa 350 m3 di calcestruzzo al giorno, impiegato anche per la realizzazione delle sottostrutture del viadotto;
  • una zona destinata agli uffici di cantiere, agli spogliatoi del Personale addetto, ai servizi igienici;
  • un’area di stoccaggio dei conci già prefabbricati e in attesa di essere trasportati all’area di varo, lunga circa 265 m e larga 33 m, servita da una gru a cavalletto di capacità pari a 120 t, commisurata al peso massimo dei segmenti da movimentare. Nell’area di stoccaggio sono svolti piccoli interventi di riparazione localizzata sulla superficie dei conci (ripristini) che si dovessero rendere necessari a seguito della prefabbricazione, il completamento della precompressione trasversale di soletta nonché tutte quelle fondamentali per la corretta maturazione del calcestruzzo (curing);
  • un’area coperta di montaggio delle armature metalliche del concio in apposite dime predisposte con la geometria del manufatto da realizzare. La prefabbricazione a piè d’opera della gabbia costituita dalle armature metalliche dei segmenti in calcestruzzo armato consente elevata qualità e rapidità produttiva.

Le gabbie dei conci sono prelevate e inserite nei casseri mediante carriponte, consentendo la produzione teorica di un concio ogni uno/due giorni lavorativi, in funzione della complessità del singolo segmento.

Nella stessa area coperta da un capannone metallico trovano posto:

  • una cassaforma short-line per la prefabbricazione dei conci di testa pila, i quali, essendo dotati di diaframmi interni in corrispondenza dei dispositivi di appoggio, temporanei e definitivi, presentano una geometria peculiare che si distingue da quella del concio tipico della stampella;
  • due cassaforme short-line per la prefabbricazione dei conci tipo. La posa in opera del calcestruzzo è eseguita con beton-pompe posizionate in adiacenza al cassero, che consentono il completamento dell’operazione in circa 2 ore.

I conci sono trasportati dall’area di stoccaggio all’area di varo presso il viadotto con un carrellone gommato di idonea capacità, che si muove lungo piste di cantiere e sulla porzione di impalcato precedentemente realizzata.