Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Il nuovo ponte sul fiume Tagliamento

Realizzata nell’ambito dei lavori di ampliamento della Autostrada A4, l’opera si sviluppa per circa 1,5 km tra gli argini del fiume ed è costruita in adiacenza a quella esistente che sarà demolita

sfondo deal

Le specifiche di gara redatte dall’Ente Appaltante utilizzate alla base del progetto indicavano una serie di vincoli e prescrizioni sostanzialmente mirati, oltre che all’adeguamento della sede stradale alla terza corsia, anche a minimizzare l’impatto idraulico dell’opera inserita in un ambito idro-geologico particolarmente sensibile.

Tenendo conto di queste indicazioni, congiuntamente alla necessità di contenere i tempi e i costi di costruzione, è stata elaborata la soluzione strutturale dell’opera. 

Le caratteristiche del viadotto 

Il concetto generale dell’opera

Il ponte è costituito da due impalcati (uno per senso di marcia) ciascuno dei quali presenta una larghezza di 20,30 m. Le caratteristiche generali dell’opera sono le seguenti:

  • consiste in due viadotti affiancati, ognuno sede di una carreggiata;
  • lunghezza totale netta dell’impalcato Nord pari a 1.518,13 m;
  • lunghezza totale netta dell’impalcato Sud pari a 1.523,83 m;
  • 20 campate con 19 pile per ogni carreggiata entro l’area golenale;
  • luce della campata tipica di 81,60 m e luce della campata massima di 84,00 m;
  • altezza tipica di impalcato di 3,20 m con incremento in prossimità delle pile fino ad un’altezza massima di 4,00 m;
  • pile formate ciascuna da singolo fusto circolare cavo;
  • fondazioni formate da una coronella di pali trivellati aventi un diametro circoscritto circa equivalente al diametro esterno del fusto della pila.

Entrambe le strutture sono costituite da un impalcato a cassone monocellulare in calcestruzzo armato precompresso a conci prefabbricati, realizzato con la tecnica dell’assemblaggio a sbalzi bilanciati. La tipologia di precompressione utilizzata è quella mista a cavi interni ed esterni. Lo schema statico finale degli impalcati risulta quindi a trave continua suddiviso da giunti di dilatazione.

L’organizzazione della piattaforma stradale prevede un cordolo esterno da 80 cm (comprensivo di veletta), uno stradello di servizio da 3,00 m, uno spartitraffico New Jersey da 75 cm, 3,00 m di corsia d’emergenza, tre corsie di marcia da 3,75 m, 70 cm di banchina e un cordolo esterno da 80 cm (comprensivo di veletta).

La luce libera tra le pile del nuovo ponte è pari ad esattamente quattro volte la luce del ponte esistente. Ne risulta quindi una nuova struttura in cui tre pile su quattro vengono eliminate rispetto alla struttura esistente, creando un’opera con un impatto idraulico sensibilmente inferiore come richiesto dall’Ente Appaltante.

La scelta di utilizzare un modulo di quattro volte la luce del ponte esistente deriva invece da un’analisi costi-benefici che ha portato all’identificazione di questo modulo come quello più efficiente.