Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Posted in:

Il nuovo ponte di Genova

Un ponte moderno, tecnologico, con pannelli solari, dal profilo più sottile e meno impattante sulla Val Polcevera che oltrepassa

Il nuovo ponte di Genova

“Oggi – dice l’Amministratore Delegato Nicola Meistro – stiamo lavorando giorno e notte per restituire un’infrastruttura al territorio. Questa è un’occasione fondamentale per dimostrare che anche in Italia è possibile realizzare grandi opere in tempi sfidanti e rispettando costi e qualità”.

Dal punto di vista tecnico strutturale, tra i punti di forza che hanno permesso l’affermazione della proposta e che sono contenuti anche nelle motivazioni espresse dalla struttura commissariale, ha fatto certo premio l’estetica (il ponte ricorderà la prua e la sezione di una nave, in linea con l’immagine e la storia della città di Genova), ma non solo.

Solidità, dimensione economica, velocità di esecuzione e tempi di realizzazione hanno fatto il resto. Il progetto sarà armonico nelle linee, rispettando comunque alti standard di sicurezza e di durabilità. Anche questo, ovviamente, è stato un punto qualificante dell’offerta.

Per quanto riguarda il dettaglio della struttura, l’impalcato principale sarà costituito da una travata lunga 1.067 m, formata da un totale di 19 campate in acciaio e calcestruzzo, di cui 14 da 50 m, 3 da 100 m, una da 40 m e una da 26 m. All’impalcato del ponte sarà strutturalmente connessa una rampa, sempre in acciaio-calcestruzzo, lunga 110 m, a tre luci. La distanza tra i

due appoggi successivi sarà rispettivamente di 34, 43 e 32 m. Per la costruzione è previsto un volume di scavi di 9.000 m3. Si utilizzeranno 60.000 m3 di calcestruzzo e 23.000 t di acciaio – diviso tra quello per la struttura e quello per la carpenteria metallica. Le pile dell’impalcato principale, a sezione ellittica, sono 18, in calcestruzzo armato e a sagoma costante per l’intero sviluppo in altezza.

Le dimensioni esterne delle pile per le campate da 50 e 100 m sono di 9 e 3 m. A oggi nelle aree disponibili sono ultimate molte delle sottofondazioni e si sta lavorando alla costruzione di diverse pile.