Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Fresatura e stesa a tempo di record

Le tecnologie del Wirtgen Group abbreviano decisamente i tempi di un intervento di stesa in notturna

Una massima planarità grazie al sistema di livellazione Multiplex

Per la fresatura dello strato d’usura spesso 4 cm le specifiche di capitolato richiedevano l’uso di tamburi per fresatura fine. La GMS ha pertanto deciso di utilizzare per questo progetto tamburi per fresatura fine modello LA6 con due denti per ogni linea di taglio. A differenza di un tamburo fresante standard, sono dotati di 672 denti anziché 168.

La distanza di 6 mm tra le linee di taglio crea una tessitura superficiale molto finemente strutturata e caratterizzata da una bassa rugosità, che consente un ammorsamento ottimale fra la superficie fresata e il nuovo strato da posare in opera. Inoltre, la GMS ha puntato sul sistema di livellazione multiplex, particolarmente indicato per gli interventi di fresatura fine mirati a compensare le irregolarità superficiali in senso longitudinale.

A tale scopo, vengono installati su uno o su entrambi i lati della macchina vari sensori (ad esempio il sensore a cavo flessibile, il sensore a ultrasuoni o il sensore odometrico nel cilindro sollevatore), che misurano le quote altimetriche effettive della pavimentazione stradale.

L’automatismo di livellazione calcola la media delle misure rilevate e sulla base di tale valore il sistema di controllo regola automaticamente la profondità di fresatura. Ciò permette di compensare molto bene le ondulazioni longitudanali e di ottenere un’elevata planarità.