Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Pubblicato in:

Come natura vuole

Nel progetto di completamento della terza corsia dell'A14 nel tratto tra Pesaro e Fano, protagonista è stata Hauraton Italia, Azienda leader per la produzione di sistemi di drenaggio per la raccolta, il trattamento e la dispersione delle acque di superficie

Nel Paese dove le opere infrastrutturali di interesse primario iniziano ma non si sa quando finiscono, una buona notizia ogni tanto non guasta.

Immagini

  • Il tratto Fano-Pesaro sulla A14
    article_3781-img_210
    Il tratto Fano-Pesaro sulla A14
  • Il sistema di chiusura rapida Side-lock sviluppato da Hauraton e brevettato
    article_3781-img_211
    Il sistema di chiusura rapida Side-lock sviluppato da Hauraton e brevettato
  • Il mix di materiale per la produzione delle canalette Faserfix®
    article_3781-img_212
    Il mix di materiale per la produzione delle canalette Faserfix®
  • Il confronto tra il sistema di chiusura Side-lock di Hauraton e un sistema convenzionale con otto bulloni di fissaggio al metro
    article_3781-img_213
    Il confronto tra il sistema di chiusura Side-lock di Hauraton e un sistema convenzionale con otto bulloni di fissaggio al metro
  • Ridurre al minimo i tempi per l’arrivo delle canalette è essenziale
    article_3781-img_214
    Ridurre al minimo i tempi per l’arrivo delle canalette è essenziale

Per questo motivo, il completamento della terza corsia dell’A14 nel tratto tra Pesaro e Fano con cinque mesi di anticipo rispetto alle previsioni iniziali è degna di citazione. Si va ad integrare all’ampliamento della tratta Rimini Nord-Senigallia, per un totale di 78 km, che si aggiungono ai 117 della Bologna-Rimini Nord. Volgendo lo sguardo più a Sud, si può verificare come le tre corsie siano già utilizzate per un tratto di 40 km, sempre dell’A14, da Ancona a Porto Sant’Elpidio. Quindi, chi si è trovato a transitare lungo questo pezzo della dorsale adriatica per le vacanze estive, ha potuto viaggiare più comodo…

Un progetto che ha visto protagonista Hauraton Italia, Azienda leader per quanto riguarda i sistemi di drenaggio per la raccolta, il trattamento e la dispersione delle acque di superficie. Ne abbiamo parlato, nel corso di un’intervista, con Toni Principi, Direttore della filiale italiana di questa multinazionale presente in 21 Paesi.

“Strade & Autostrade”: “Quali effetti positivi porterà l’ampliamento del tratto in questione e quali criteri sono stati adottati per ottimizzare l’intervento?”.
“Toni Principi”: “Le ricadute positive si sono riscontrate sul fronte della fluidità dello scorrimento veicolare e anche nella maggiore sicurezza. Entrando nel dettaglio, nella tratta in questione, sono importanti i dati riguardanti la sicurezza: il tasso di mortalità è calato del 40% e gli incidenti hanno registrato un –35%. I criteri adottati hanno puntato ad una diminuzione dei disagi legati alla viabilità limitando inoltre l’impatto ambientale complessivo dell’opera.

“S&A”: “Una delle peculiarità di Hauraton Italia è il drenaggio delle acque piovane: come si è intervenuti nella specificità?”.
“TP”: “Per garantire la corretta raccolta delle acque meteoriche e per soddisfare tutte le esigenze tecnico-economiche richieste dalla Committenza nel rispetto delle Normative in vigore, l’Impresa esecutrice dei lavori ha installato circa 11.000 m di canali Hauraton in calcestruzzo rinforzato con fibra di vetro e sabbia al quarzo dotati di telaio in acciaio zincato lungo il bordo superiore con zanche incorporate nelle pareti laterali del canale; questo dettaglio fornisce un’eccezionale resistenza all’usura e una maggiore capacità di carico, rendendo il canale così forte, da sopportare le rigorose esigenze dei progetti autostradali come questo.

“S&A”: “Che vantaggi ci sono con questi prodotti?”.
“TP”: “L’utilizzo di tali prodotti porta numerosi vantaggi tra cui il notevole risparmio di tempo per l’installazione e per la manutenzione. Infatti, grazie al mix di materiale unico in assoluto (calcestruzzo C35/45 XF4 con fibra di vetro e sabbia al quarzo), il telaio e il sistema Side-lock che fanno aumentare notevolmente la robustezza del manufatto, è possibile avere un apprezzabile risparmio in termini economici e di tempo durante l’installazione. Inoltre, si tratta di prodotti che hanno un alto livello di sostenibilità: si tratta di calcestruzzo fibrorinforzato con credenziali eccellenti per fornire soluzioni di drenaggio forti, ecologiche ed economiche senza compromettere la qualità o gli standard. Hauraton, con una esperienza di oltre 55 anni, è l’unico produttore al mondo a realizzare prodotti con questa tipologia di miscela di materiale”.

“S&A”: “I prodotti che voi utilizzate rispondono alle Normative europee e hanno delle caratteristiche ben precise…”.
“TP”: “Certamente. I canali Faserfix®, come tutti gli altri canali di drenaggio prodotti da Hauraton, sono conformi alla Normativa EN 1433, alla più severa Normativa tedesca DIN V 19580 e al nuovo CPR 305/2011/EU (= Construction Products Regulation). Il marchio CE, il controllo esterno e la dichiarazione di conformità sono le garanzie che assicurano ai Progettisti i più alti standard tecnici. Inoltre, l’Azienda ha l’“Approvazione di Controllo per le Costruzioni di Opere Edili” da parte della DIBt (Istituto Tedesco per la Tecnologia delle Costruzioni) per le speciali applicazioni in ambienti industriali con presenza di liquidi pericolosi. Dal 1993, Hauraton, come prima Azienda nel settore dell’edilizia, ha il Certificato di qualità secondo la Normativa DIN EN ISO 9001. Le Normative di qualità vengono costantemente aggiornate e regolarmente certificate”.

“S&A”: “Torniamo all’A14. Lei ha fatto accenno al sistema Side-lock: di cosa si tratta?”.
“TP”: “Side-lock è un sistema unico al mondo per bloccare le griglie senza l’utilizzo di ulteriori accessori. Basta appoggiare la griglia di copertura sulla canaletta e bloccarla premendo con il piede. Il sistema Side-lock fa risparmiare il 90% di tempo per installare e togliere la griglia di copertura, evitando così anche costi eccessivi. Il sistema di chiusura ad incastro Side-lock è stato testato confrontandolo con un sistema convenzionale con otto bulloni di fissaggio per metro lineare. Nella prova è stata simulata una normale manutenzione di una linea di drenaggio per vedere quanto tempo ci vuole per sollevare una grata, posarla accanto al canale, raccoglierla e bloccarla di nuovo. I risultati parlano da soli: con il sistema di chiusura Side-lock, il processo descritto impiega 31,8 secondi. Il tempo registrato, effettuando lo stesso processo ma fissando la griglia con otto viti, è stato di 4minuti e 12,6 secondi. Questo si traduce in un risparmio di tempo di 3 minuti e 40,8 secondi per metro lineare quando si utilizza Side-lock. Il diagramma mostra questa differenza enorme, che diventa ancora più evidente se si moltiplica il fattore tempo con una tariffa oraria di 40 Euro. Conclusione: gli utenti risparmiano tempo e denaro con Side-lock garantendo qualità, tecnologia e rispetto delle Normative”.

“S&A”: “In questi casi un aspetto fondamentale è anche la tempestività nella consegna dei materiali…”.
“TP”: “Ridurre al minimo i tempi per l’arrivo delle canalette è sicuramente essenziale. La rapidità delle operazioni insieme alla grande disponibilità di materiale in magazzino hanno permesso di velocizzare la consegna rispettando nel minimo dettaglio il programma stabilito dall’Impresa”.