Condividi, , Google Plus, LinkedIn,

Stampa

Brescia – Verona: completato lo scavo della galleria naturale Colle Baccotto

La realizzazione del tratto è finanziata dal PNRR. I lavori erano iniziati nel 2022. Nei prossimi mesi si proseguirà con la realizzazione del rivestimento definitivo della galleria naturale

Nella mattinata del 22 maggio, nel cantiere di Peschiera del Garda, in provincia di Verona, è stato abbattuto con successo il diaframma della galleria Colle Baccotto e ultimate così le attività di scavo di una delle gallerie naturali della nuova tratta ferroviaria Alta Velocità/Alta Capacità Brescia Est – Verona.

La realizzazione del tratto rientra fra le opere finanziate dal PNRR e rappresenta uno dei tasselli del Core Corridor Mediterraneo che collegherà i porti del sud della penisola iberica con l’Europa orientale, passando per il sud della Francia, Italia settentrionale, Slovenia e Croazia.

Proseguono così i lavori del Consorzio Cepavdue, costituito da Saipem, Impresa Pizzarotti & C. S.p.A. e Gruppo ICM, commissionati da RFI Rete Ferroviaria Italiana con l’alta sorveglianza e la direzione lavori a cura di Italferr S.p.A., società entrambe appartenenti al Polo Infrastrutture del Gruppo FS Italiane.

Con l’abbattimento del diaframma, viene completato lo scavo della galleria naturale Colle Baccotto della lunghezza di circa 240 metri. La galleria, composta da una canna singola a doppio binario, è stata realizzata con uno scavo in sotterraneo con metodo tradizionale procedendo dall’imbocco lato Verona in direzione Brescia.

Le lavorazioni, iniziate nel 2022, hanno preservato e salvaguardato i tratti dell’area sovrastante in cui si trovano la Villa De Peverelli Della Cella, ex forte Baccotto, e il relativo parco, beni di particolare interesse artistico e storico che rientrano tra le ville venete sottoposte a tutela ambientale.

Gli interventi di completamento proseguiranno nei prossimi mesi con la realizzazione del rivestimento definitivo della galleria naturale, delle gallerie artificiali lato est e ovest e si concluderanno con la posa dell’armamento ferroviario e l’installazione tecnologica.