Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Guida autonoma, l’auto del Politecnico di Milano segna un nuovo record

Il team PoliMOVE del Politecnico di Milano ha vinto la seconda edizione dell’Indy Autonomous Challenge (IAC) al CES di Las Vegas, raggiungendo la straordinaria velocità massima di 290Km/h, nuovo record mondiale su pista per un’auto senza pilota.

Spingendosi verso i confini delle corse a guida autonoma testa a testa, PoliMOVE ha gareggiato al Las Vegas Motor Speedway contro 9 squadre provenienti da 17 università di 6 Paesi da tutto il mondo. TUM Autonomous Motorsport della Technische Universität di Monaco di Baviera ha conquistato il secondo posto, in un acceso testa a testa con PoliMOVE.

Questa è stata un’importante conferma per l’auto del Politecnico. Lo scorso anno, sempre a Las Vegas, aveva vinto la prima edizione della IAC. E con questo risultato, dunque, per il Politecnico di Milano arriva il bis.

“Esattamente un anno dopo la nostra prima vittoria, eravamo così orgogliosi ed entusiasti di essere tornati a Las Vegas per l’Autonomous Challenge – commenta  Sergio Savaresi, ordinario di Automatica al Politecnico di Milano -. Per noi questa vittoria rappresenta un importante passo avanti in termini di velocità, complessità della gara e gestione di situazioni testa a testa impegnative.

Siamo molto felici di questo successo, per il contributo dell’Indy Autonomous Challenge e per tutti i team nel far progredire la tecnologia dell’intelligenza artificiale applicata alla guida “.

L’Indy Autonomous Challenge è un torneo ad eliminazione con più round di gare tra due squadre. Le auto da corsa autonome più veloci al mondo, le Dallara AV-21, si alternano nel ruolo di Leader e Passer/Follower. I sorpassi sono stati tentati a velocità sempre crescenti fino a quando una o entrambe le vetture non sono state in grado di sorpassarsi con successo.

 PoliMOVE fa parte del gruppo di ricerca mOve, guidato dal professor Sergio Savaresi, che da 20 anni studia i controlli automatici in tutti i tipi di veicoli terrestri: dalle biciclette elettriche alle automobili e persino ai trattori.

Share, , Google Plus, LinkedIn,