Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Ue approva primi 41 progetti sull’idrogeno

(Come riportato da “Le Strade dell’Informazione”)

I finanziamenti pubblici sbloccheranno ulteriori 8,8 miliardi di euro in investimenti privati

La Commissione europea ha approvato i primi 41 importanti progetti di comune interesse europeo dedicati all’idrogeno (H2) nell’ambito dell’Ipcei Hydrogen. Quindici Stati membri: Austria, Belgio, Cechia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovacchia e Spagna, hanno deciso di spendere 5,4 miliardi di euro.

Lo riportano le agenzie di stampa. 35 aziende, Pmi e start-up riceveranno tali aiuti di Stato e la Commissione europea prevede che i finanziamenti pubblici sbloccheranno ulteriori 8,8 miliardi di euro in investimenti privati. La Commissione prevede inoltre “importanti scoperte tecnologiche, tra cui nuovi materiali per elettrodi altamente efficienti e celle a combustibile più performanti”. 

Thierry Breton, commissario per il mercato interno, ha affermato che l’Ipcei vedrebbe la produzione di idrogeno dell’eE passare “dal laboratorio alla fabbrica”.

L’Ipcei coprirà un’ampia parte della catena del valore della tecnologia dell’idrogeno, compresa la generazione di idrogeno, le celle a combustibile, lo stoccaggio, il trasporto e la distribuzione dell’idrogeno e le applicazioni per gli utenti finali nel settore della mobilità.

Secondo il comunicato stampa, tutti i 41 progetti mirano anche allo sviluppo di tecnologie e processi che vanno oltre ciò che il mercato offre attualmente. I partecipanti selezionati includono Alstom, Daimler Truck, Cummins, Bosch, Enel e Iveco, solo per citarne alcuni.