Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Strade Future: l’arte contemporanea incontra la mobilità sostenibile

(Come riportato da “Le Strade dell’Informazione”)
In occasione della European Mobility Week 2022

Arti visive e sostenibilità. Al via dal 16 settembre 2022 in occasione della European Mobility Week 2022, il progetto Strade future dell’associazione Ar2gether che, utilizzando il linguaggio dell’arte contemporanea, trasforma due aree di Roma all’insegna dell’ecologia e della mobilità sostenibile. 

Un progetto realizzato in collaborazione con il Parlamento Europeo, con il patrocinio della Commissione Europea, di Ministero della Transizione Ecologica, Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, Ministero della Cultura, della Regione Lazio, di Roma Capitale e del Municipio II, che con due interventi ideati insieme al collettivo Sbagliato porta nell’area tra i pilastri del Viadotto di Pierluigi Nervi all’ingresso dell’Auditorium Parco della Musica, e sui muraglioni del Tevere sotto Castel Sant’Angelo, sedute, manti erbosi, un trattamento fotocatalitico che purifica l’aria, interventi di arte urbana e piste ciclabili che si illuminano di notte. Dell’iniziativa ne parla una nota sul sito ufficiale del MITE. 

Strade future utilizza l’arte e la creatività contemporanee per sensibilizzare i cittadini sulla necessità di un cambiamento che garantisca un futuro a noi e alle future generazioni. Nei difficili giorni della pandemia, Ar2gether invitò i filosofi Simona Morini, Gloria Origgi, Pietro Perconti e Telmo Pievani a raccogliere le loro riflessioni sull’emergenza ambientale emersa a livello globale a seguito di quella traumatica esperienza. Da questa collaborazione e` nato Memoria, Equilibrio, Futuro. L’eredità della pandemia diventato poi il manifesto e la fonte di ispirazione per il progetto. 

“Strade future vuole raccontare uno stile di vita più sostenibile e accrescere nei giovani, conoscenza e buone pratiche utili alla riduzione del riscaldamento globale.” – hanno dichiarato Memi Crimi, Deborah Di Gregorio Halevim ed Erica Zmitrovitch, fondatrici di Ar2gether.

“Il contributo di ognuno di noi – proseguono – può rendere l’Europa il primo continente al mondo capace di azzerare le emissioni di anidride carbonica prima del 2050, ma per raggiungere questo obiettivo, anche alla luce dell’emergenza energetica accelerata dalla guerra in Ucraina, una mobilità alternativa diventa fondamentale. E cosa c’è di più immediato del linguaggio dell’Arte per farlo comprendere a tutti?” 

Accompagna il progetto un calendario di appuntamenti improntati alla diffusione di pratiche virtuose e di consapevolezza green: venerdì 16 settembre alle ore 19:00 ci sarà l’inaugurazione ufficiale aperta al pubblico nello spazio sotto il Viadotto di Pier Luigi Nervi all’ingresso dell’Auditorium Parco della Musica; sabato 17 settembre alle ore 10:00 “Bike Together” pedalata libera dal Parco della Musica a Lungotevere Tor di Nona; domenica 18 settembre dalle ore 10:00 alle 19:00 Laboratori per bambini dai 3 agli 11 anni negli spazi di Explora – il Museo dei bambini; infine giovedì 22 settembre ore 11:30 un talk su temi legati a Sostenibilità e Innovazione negli spazi del MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo.