Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Seminario online “Opere Pubbliche: programmazione per un modello integrato di sviluppo sostenibile”

(Come riportato in una nota del  Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili)

Venerdi 21 gennaio dalle ore 9.30 alle 13.30 sarà possibile seguire i lavori online del seminario dal titolo “Opere Pubbliche: programmazione, scelte di policy e criteri di valutazione verso la definizione di un modello integrato per lo sviluppo sostenibile” organizzato dal Dicastero sulle linee di indirizzo intraprese dal Mims per la definizione le priorità strategiche e valutare gli investimenti nei settori delle infrastrutture e della mobilità anche in funzione delle previsioni del Next Generation EU.

Alla luce delle sfide che attendono il nostro Paese per definire un modello di sviluppo più resiliente, inclusivo e sostenibile, il percorso di programmazione delle politiche e di selezione dei singoli investimenti da attuare si fa sempre più complesso.

Una complessità che deriva dalle caratteristiche di multidimensionalità e integrazione proprie di un modello di sviluppo sostenibile, come quello proposto dall’Agenda 2030 e dai 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, che obbliga i decisori ad adottare un pensiero sistemico per definire gli obiettivi da perseguire.

In coerenza con tale scenario, la ridenominazione del ministero in Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) accresce la necessità di dotarsi di un processo ordinato di programmazione e selezione delle opere pubbliche per attuare l’indirizzo politico e garantire il confronto con i diversi stakeholder.

Rientra in questo percorso la capacità di definire i criteri di sostenibilità e resilienza delle infrastrutture, in linea con quelli maturati a livello internazionale.

Negli ultimi mesi il Mims ha avviato un percorso orientato a conseguire tali obiettivi, introducendo nuovi strumenti metodologici e di analisi per definire le priorità strategiche e valutare gli investimenti nei settori delle infrastrutture e della mobilità anche in funzione delle previsioni del Next Generation EU.

Il seminario ha lo scopo di presentare questo nuovo approccio alla comunità scientifica, agli addetti ai lavori e agli stakeholder, così da valutare le linee di indirizzo intraprese anche nell’ottica di rafforzare e migliorare gli strumenti metodologici adottati.

Di seguito il link per accedere al seminario (in allegato il programma)