Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Next Mobility Exibition, a Milano l’evento internazionale sulla mobilità sostenibile

(Come riportato da “Le Strade dell’Informazione”)

Evento organizzato da Fiera Milano, dal 12 al 14 ottobre

Mobilità pubblica, sharing mobility, sostenibilità, transizione energetica e innovazione saranno al centro di Next Mobility Exhibition, l’evento organizzato da Fiera Milano dal 12 al 14 ottobre.

Un’occasione unica per fare il punto della situazione su mezzi, soluzioni, politiche e tecnologie per un sistema di mobilità sostenibile, e per riflettere sul futuro del trasporto pubblico locale al quale, secondo il rapporto Intesa Sanpaolo-ASSTRA, saranno destinati più di 32,4 miliardi di euro dal Pnrr.

Cuore dell’evento sarà inoltre il ricco palinsesto formativo, ideato dal Comitato tecnico scientifico presieduto dal Professor Pierluigi Coppola (Coordinatore del Progetto Air Urban Mobility del Politecnico di Milano) e di cui fanno parte associazioni internazionali (UITP- International Association of Public Transport e IRU – World road transport organisation), dicasteri, realtà accademiche come l’Università Bocconi e l’Università degli Studi della Campania, ma anche la Conferenza Regioni e Province Autonome, Trenord  e diverse realtà associative che rappresentano le varie sfumature della transizione energetica: Federmetano, Motus-e, Enea, Unem, H2IT (Associazione italiana per l’idrogeno e celle combustibile) e Anie E-Mobility.

Un Comitato nato con l’obiettivo di condividere know-how e che consentirà di fare della fiera un momento chiave per focalizzare obiettivi a breve e lungo termine, fare il punto sulle opportunità legate al PNRR, valutare le modalità di superamento delle criticità attuali.


L’evento sarà anche l’occasione per presentare al pubblico Il Centro Nazionale per la Mobilità sostenibile: venticinque università, altrettanti centri di ricerca e 24 grandi imprese, un mix pubblico-privato che mette subito sul tavolo un investimento di 394 milioni di euro per i primi 3 anni (2023-2025), dando spazio a 696 ricercatori dedicati e 574 neoassunti.