Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Nella bozza del nuovo Codice appalti, sono previsto 230 articoli ma, semplificati

Sono 230 articoli previsti nella bozza del nuovo testo del Codice appalti riformato dal Consiglio di Stato e consegnata a Palazzo Chigi. Sono dieci in più del codice del 2016, uno sforzo di semplificazione degli esperti di Palazzo Spada c’è stato e Il Dlgs 50/2016 è stato ridotto nel testo del 30%.

Quindi meno parole, ma ancora tanti commi in cui districarsi, senza contare gli allegati che obbligatoriamente dovranno accompagnare il decreto dato che la riforma dovrebbe essere auto-applicativa, perciò senza bisogno di ulteriori regolamenti.

Gli esponenti del nuovo Governo hanno sempre sostenuto necessaria una forte semplificazione. Matteo Salvini, è alla guida del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili che, nei confronti del codice appalti ha sempre avanzato propositi di cambiamento. Invocando «cancellazioni», «sospensioni», «azzeramenti» e non una semplice revisione per quanto semplificata, del vecchio testo. Occorre andare avanti con la riforma prevista dal Pnrr da portare a compimento entro il 31 marzo 2023.