Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Maxi-appalti pubblicati da Rfi, due appalti della Palermo-Catania e il collegamento con l’aeroporto di Venezia

Sette raggruppamenti in gara per i tre maxi-appalti pubblicati da Rfi per potenziare la linea Palermo-Catania in Sicilia e realizzare un nuovo collegamento con l’aeroporto di Venezia.

Nelle tre gare sono in progetti e cantieri ferroviari per un totale di 1,7 miliardi. Per le tre gare ci sono anche raggruppamenti: Webuild-Pizzarotti e l’Ati guidata da Rizzani De Eccher con Manelli e Sacaim che sono in corsa su più fronti.

La gara da 467,2 milioni per realizzare il collegamento ferroviario tra la linea Mestre-Trieste e l’aeroporto di Venezia, è di 8 km di binari che consentiranno di raggiungere con il treno il terminal di Venezia. In corsa risultano i gruppi formati da Webuild e Pizzarotti, l’Ati Rizzani De Eccher-Manelli-Sacaim, il raggruppamento formato dal consorzio stabile Eteria comn Icm, l’impresa romana Ghella e l’impresa Inc.

Per la realizzazione del quinto lotto della linea ferroviaria Palermo-Catania (tratta Dittaino – Catenanuova) ci sono solo due concorrenti in gara. A contendersi il contratto da 612,7 milioni saranno Webuild-Pizzarotti e l’Ati guidata da Rizzani de Eccher. Corsa a tre invece sul lotto 4b (tratta Nuova Enna-Dittaino) da 654 milioni. Qui oltre all’Ati Webuild risultano in corsa i raggruppamenti formati da Toto (capogruppo) con Di Vincenzo Dino e Esim e il consorzio stabile Sis.