Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

L’università Federico II al lavoro per la mobilità del futuro

(Come riportato da “Le Strade dell’Informazione “)
Sottoscritto accordo con la società tecnologica Getplus

L’Università degli studi di Napoli Federico II e Getplus hanno firmato un accordo quadro di collaborazione per lo sviluppo del progetto Next che riguarda l’implementazione e utilizzo della modularità nei sistemi urbani.  

La notizia è riportata dalle maggiori agenzie di stampa. Getplus è una società tecnologica di gestione del traffico di merci e persone che sta sviluppando un nuovo sistema di mobilità elettrica con l’utilizzo di un nuovo veicolo denominato ‘PODS’.

“I progetti in corso in Federico II, compreso quelli legati al neo-costituito Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile, le lauree triennali e magistrali in particolare quella internazionale in Transportation Engineering and Mobility, i dottorandi di ricerca industriali, la Task Force di Ateneo per la Smart and Sustainable Mobility, le iniziative con i più importanti stakeholder del settore sono tutti tasselli di una strategia di lungo respiro che proietta l’Ateneo napoletano all’avanguardia della rivoluzione nei trasporti”, dichiara Cino Bifulco, professore di Ingegneria dei trasporti e responsabile dell’accordo per l’Ateneo Federico II.

“La conformazione modulare dei PODS di Next assieme al software di gestione della flotta permette l’abbattimento di circa il 60% del traffico urbano di merci e persone. La Federico II attraverso le sue eccellenze ingegneristiche affiancherà Getplus come partner per lo sviluppo e l’ottimizzazione del prodotto, affiancandosi al team internazionale che attualmente sta sviluppando i veicoli fra Padova e Dubai.

Inizia un percorso italiano di eccellenza nella mobilità elettrica sostenibile”, dichiara il membro del board con delega alle relazioni esterne della Getplus, Domenico Giudici.