Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Linee guida Anac per le Stazioni appaltanti, per l’avvio graduale della qualificazione

L’Anac ha fissato per la prima fase sperimentale della qualificazione delle stazioni appaltanti, con avvio graduale e sconti di punteggio per i primi due anni.

Qualificarsi per i lavori inferiori a un milione di euro sono sufficienti 30 punti a regime, 40 punti fino alla soglia Ue, 50 punti oltre la soglia. Sono punteggi non severi che l’Anac ha fissato per la prima fase sperimentale della qualificazione delle stazioni appaltanti, orientata a un avvio graduale.

Per raggiungere questi punteggi le Amministrazioni dovranno avere dipendenti specializzati nelle proprie strutture (fino a 20 punti), sistemi di formazione e aggiornamento del personale (fino a 20 punti), un consistente numero di gare svolte (fino a 40 punti), rispetto degli obblighi di comunicazione (5 punti) e delle procedure di monitoraggio (5 punti), utilizzo di piattaforme telematiche (fino a 10 punti). Queste le novità dello schema di delibera definitiva messa a punto dall’Anac nel rispetto del protocollo firmato con Palazzo Chigi nel dicembre 2021.

ci sono anche tre requisiti irrinunciabili per tutte le amministrazioni che vorranno il bollino di stazioni appaltanti: l’iscrizione all’Anagrafe delle stazioni appaltanti (Ausa) dell’Anac; avere un ufficio o una struttura stabilmente dedicata alla progettazione e agli affidamenti di lavori; disponibilità di piattaforme telematiche dedicate all’affidamento contratti. Lo stesso schema vale anche per gli appalti di servizi e forniture.

L’obiettivo di Palazzo Chigi era di arrivare al 30 settembre al testo finale delle linee guida e alla individuazione del numero delle stazioni appaltanti potenzialmente qualificabili. Era stato Mario Draghi – cui ora tornano le linee guida – a voler accelerare il processo di qualificazione e riduzione delle stazioni appaltanti previsto dal codice appalti del 2016 e mai attuato. Secondo il censimento svolto da Anac a giugno le stazioni appaltanti interessate cui si applicheranno le linee guida sono 12.329 con 32.138 centri di spesa di cui oltre la metà (17.532) appartenenti ai comuni.