Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Giovannini, candidatura Roma Expo 2030 per sviluppo sostenibile

(come riportato da Le Strade dell’Informazione)

Il ministro del Mims sottolinea che già il padiglione Italia a Dubai è stato costruito già attorno all’idea della sostenibilità

“L’Italia e Roma vogliono essere il posto dove nel 2030 realizzare uno sviluppo sostenibile, come richiesto dagli obiettivi delle Nazioni Unite per quell’anno.

Oggi siamo qui per mettere la candidatura di Roma nella giusta prospettiva: quello dello sviluppo sostenibile, di costruire un futuro comune: l’Italia sta già investendo per aumentare la capacità di Roma, del Lazio, per accogliere le grandi opportunità legate ad Expo”.

A dichiaralo è il ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, nel corso della presentazione a Dubai della candidatura di Roma Capitale come sede di Expo 2030, come riportato dalle agenzie di stampa. 
 
Quella della candidatura di Roma a ospite di Expo 2030 “è più di un’idea: è un messaggio serio per il mondo. Roma vuole essere nel cuore del mondo, il posto dove nel 2030, d’accordo con l’Agenda 2030, verificheremo l’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile lanciata sette anni fa dalle Nazioni Unite e controlleremo se dopo il decennio dello sviluppo sostenibile saremo capace di raggiungere tutti i target e goals che l’Assemblea Generale ha deciso nel 2015”.   
 
“Il padiglione Italia a Dubai è stato costruito già attorno all’idea della sostenibilità – ha aggiunto – sono contento del riconoscimento di questa sostenibilità, anche in termini di certificazioni.

Il Comune di Roma ha scelto la sostenibilità come motore della ripresa e dello sviluppo economico. Non solo. Roma è il simbolo mondiale della cultura, connettere le nuove tecnologie i territori e le persone ci aiuterà a rendere Expo 2030 una esperienza unica. Il governo è pronto a fare ciò che è necessario per sostenere questa candidatura ed accogliere tutti a Roma nel 2030″.