Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Giovannini a Tgcom24: “Fondi del Pnrr investiti su ferrovie, porti e autobus ecologici”

Come riportato da TgCom24

Il Ministro delle Infrastrutture: “Gli investimenti nel trasporto pubblico locale sono indispensabili, ma oltre ai fondi serve una riforma per cui chiederemo una legge delega per la mobilità locale” 

“Il Pnrr di nostra competenza – ha aggiunto il ministro Giovannini – investe molti fondi su ferrovie, Alta velocità e rete locale, rinnovo mezzi rotabili, nuovi treni e nuovi bus per il trasporto locale. Un fortissimo investimento, poi, sui porti; l’interconnessione proprio via ferrovia tra 11 porti, 11 aeroporti e 9 centri intermodali.

A livello locale, azioni per stimolare la nascita e lo sviluppo di imprese che possono evitare di far importare al nostro Paese gli autobus ecologici. Noi ormai finanziamo solo bus ecologici, com’è giusto che sia”.

“E’ un piano a tutto tondo – ha spiegato il ministro – che però non è l’insieme di tutte le risorse disponibili, perché con la legge di Bilancio, oltre quei 61 miliardi, abbiamo appostato più di 40 miliardi per i prossimi anni sulla ristrutturazione e l’ammodernamento delle nostre strade, sulle risorse idriche, sui trasporti nelle città, in particolare, su metropolitane, busvie e tramvie.

Quindi, parliamo di oltre 100 miliardi di investimenti per i prossimi 8-9 anni per cambiare il modo in cui nel nostro Paese persone e merci si muoveranno anche in un’ottica di integrazione internazionale”.

“Per evitare rischi, acuiti anche dall’attuale situazione in Ucraina, il governo è intervenuto con varie misure anche molto forzi sul piano finanziario. Pensiamo agli oltre 10 miliardi per ridurre l’impatto dell’aumento dell’energia su famiglie a più basso reddito o senza reddito e imprese; l’aumento dei fondi per compensare le imprese di costruzioni.

Detto da Draghi e scritto nel documento di Economia e Finanza, il governo continuerà a fare interventi per assicurare che la forte ripresa economica a cui pochi credevano, vista nel 2021, possa consolidarsi nel 2022 e, dunque, superare le grandi difficoltà internazionali”, ha concluso Giovannini.

TGCOM 24