Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Ance: in dieci giorni nuovo forte aumento dei costi per l’acciaio. Il bitume è introvabile

A rischio il Pnrr per i forti aumenti del materiale da costruzione per le infrastrutture

L’Ance segnale l’allarme per un ulteriore aumento dei costi degli ultimi giorni: per l’acciaio aumenti del 20%. Impossibile da trovare anche il bitume, fondamentale per la costruzione e il rifacimento dei manti stradali. «Draghi salvi il Pnrr: senza un intervento urgente per calmierare i prezzi dei materiali, altrimenti il Piano fallisce», ha detto il presidente dell’Ance, Gabriele Buia.

Buia in un comunicato ha scritto: «Non è più possibile aspettare, scarseggiano materiali e gli impianti di produzione per l’asfalto si spengono. Occorrono subito misure per calmierare i prezzi e compensare i maggiori costi sostenuti dalle imprese, altrimenti i cantieri del Pnrr anche per carenza di materie di prime si fermeranno tutti». Buia ha scritto a Draghi per fissare un incontro e affrontare la situazione e varare subito misure eccezionali opportune. O prevedere subito un meccanismo ordinario di revisione prezzi sul modello francese: mensilmente, i costi delle opere si dovrebbero adeguare al rialzo o al ribasso seguendo le rilevazioni dei singoli materiali. Una misura che non coprirebbe sbalzi clamorosi come quelli di questi giorni, ma salverebbe la categoria.

«La situazione è ormai fuori controllo, con prezzi alle stelle e materiali introvabili. Emergenze che le misure varate finora non possono in alcun modo arginare», sottolinea il Presidente dell’Ance, ribadendo che le misure finora assunte dal governo sono del tutto insufficienti.

Share, , Google Plus, LinkedIn,