Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Anas: parte il piano di riqualificazione della SS3bis “Tiberina”

Investimento complessivo di 495 milioni di euro

Al via da parte di Anas (Gruppo FS Italiane) il Piano di riqualificazione della strada statale 3 bis “Tiberina” del valore di 495 milioni di euro. L’impegno economico messo in campo nell’ambito della manutenzione programmata ha l’obiettivo di accrescere la sicurezza e la qualità dell’arteria. Il piano di investimenti messo in atto per tale arteria nell’ultimo quinquennio è di complessivi 495 milioni di euro circa.

Gli interventi del Piano ad oggi ultimati sono pari al 32% (160 milioni di euro circa), quelli in corso sono il 29% (145 milioni di euro circa), quelli di prossimo avvio il 5% (22 milioni circa) e, infine, quelli in progettazione sono pari al 34% (166 milioni circa).

Nel dettaglio, circa 167 milioni di euro riguardano interventi di manutenzione di ponti, viadotti e gallerie, circa 108 milioni di euro riguardano gli interventi di risanamento profondo e di rinforzo del piano viabile mentre circa 34 milioni di euro riguardano la sostituzione delle barriere di sicurezza – principalmente dello spartitraffico esistente – con le barriere di nuova concezione, progettate da Anas, denominate NDBA.

Infine, gli interventi identificati come opere complementari, per un investimento di importo pari a complessivi 152 milioni di euro circa, rappresentano principalmente i cosiddetti interventi per “Tratte omogenee” che hanno lo scopo di attuare un’imponente e massiva azione sull’intera arteria e, al contempo, minimizzare l’impatto dei cantieri sulla viabilità.

Questo è possibile grazie ad una progettazione che include varie tipologie di interventi (come ad esempio l’asfaltatura e la posa delle barriere) da eseguire nella specifica tratta mediante l’attivazione dell’Accordo Quadro già aggiudicato ad un unico operatore – per un importo complessivo di 250 milioni di euro sull’itinerario ricadente in Emilia-Romagna ed Umbria.

Per quanto riguarda l’Emilia-Romagna sono state individuate 9 tratte che vedono un investimento di 15,6 milioni di euro l’una. Nell’anno corrente è stata avviata la progettazione integrata delle singole tratte ed allo stato attuale sono in fase di verifica e approvazione i progetti delle prime due.
Tenuto conto dell’impatto dei cantieri lungo l’arteria è stata attivata una specifica procedura di gestione strutturata dei cantieri in termini di coordinamento, pianificazione, monitoraggio e controllo.