Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Affidamento a Rfi per il progetto e realizzazione del potenziamento della ferrovia Adriatica

Raggiunto l’accordo sul progetto per la velocizzazione, l’ammodernamento e il miglioramento della linea ferroviaria Adriatica. E’ stata affidata a Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) la progettazione e la realizzazione degli interventi di potenziamento tecnologico della linea ferroviaria Adriatica.

Lo comunica il Mims in una nota, riferendo che il progetto di massima Rfi, è stato inviato dal ministro Enrico Giovannini ai presidenti delle cinque regioni (Abruzzo, Emilia-Romagna, Marche, Molise e Puglia). «Il progetto di massima elaborato da RFI nel corso dell’ultimo anno con la collaborazione delle Regioni – spiega la nota del Mims – prevede un investimento complessivo pari a 8,5 miliardi di euro, di cui cinque previsti dalla Legge di bilancio per il 2022».

«Si è concordato di utilizzare i cinque miliardi stanziati dalla legge n.234/2021 e risorse FSC 2021-2027 per la realizzazione di bypass che consentano il transito dei treni veloci passeggeri e di treni merci su nuove tratte all’interno, mantenendo la linea costiera esistente per la funzione di trasporto pubblico locale con l’arretramento della linea in sostituzione di quella esistente». «Questa soluzione garantisce sia la riduzione di un’ora dei tempi di percorrenza nella tratta Bologna-Bari senza diminuire il numero di fermate, sia la mobilità locale delle persone, e un’efficace afflusso turistico grazie ai servizi garantiti dalle Regioni».