Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Visco: “Favorire transizione energetica, trasporti verdi e sistemi urbani sostenibili”

(Come riporta da Le Strade dell’Informazione)

La sostenibilità al centro dell’intervento del governatore di Bankitalia Ignazio Visco al 103mo della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale di Washington.

Digitale, green, infrastrutture, educazione per la crescita. Come riportato dalle agenzie di stampa, sono questi alcuni dei temi presi in esame dal governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, nel corso del suo intervento al 103mo Meeting del Development Committee della Banca Mondiale e del Fondo Monetario Internazionale di Washington. 

“Dobbiamo favorire – ha dichiarato Visco – la transizione energetica, dare priorità ai trasporti verdi e ai sistemi urbani sostenibili, investire in infrastrutture resilienti e nella loro manutenzione a lungo termine, promuovere tecniche di agricoltura intelligente per il clima e proteggere la biodiversità”. 

Per affrontare “una trasformazione economica profonda e strutturale” sono necessarie, prosegue il governatore di Bankitalia, “risorse finanziarie significative, in un momento in cui i Paesi si trovano ad affrontare vincoli fiscali e un debito eccessivo. È quindi necessario mobilitare tutte le fonti di finanziamento e utilizzarle in modo efficace”. 

Questa mobilitazione include sia “le risorse interne” che “un finanziamento allo sviluppo” e “i capitali del settore privato”. Inoltre, ha aggiunto Visco, “va ribadita l’importanza di mobilitare più capitali del settore privato nei Paesi a basso reddito, per colmare le loro lacune finanziarie e sostenere una crescita sostenuta a lungo termine.

A tal fine, il Gruppo di studio sulla finanza sostenibile ricostituito dalla presidenza italiana del G20 e appena trasformato in Gruppo di lavoro, esplorerà le modalità per rafforzare il ruolo del sistema finanziario a sostegno del raggiungimento degli obiettivi previsti dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e l’accordo di Parigi, garantendo una transizione giusta verso un’economia a basse emissioni di carbonio e più inclusiva”.
 
Il governatore ha anche sottolineato che per rendere l’economia globale preparata, e resiliente, di fronte alle sfide di lungo termine sul piano sanitario è necessario un coordinamento internazionale, condivisione dei piani di risposta alla pandemia, un approccio collaborativo sul monitoraggio dei casi e le diagnosi e ricordando che il Panel indipendente di alto livello per il finanziamento dei beni comuni per la risposta pandemica, stabilito sotto la presidenza italiana del G20, “valuterà soluzioni praticabili per assicurare un finanziamento sostenibile della prevenzione delle pandemie, la sorveglianza, la preparazione, e la risposta”.