Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Un progetto per sensori capaci di prevedere incidenti stradali

(Come riportato in una nota de Le Strade dell’Informazione)

Non registrando immagini si eviteranno problemi di privacy o protezione dei dati.

Un sensore capace di prevedere gli incidenti aumentando il livello di sicurezza stradale.  Si tratta di Horis, un nuovo progetto di ricerca avviato dal Fraunhofer Institute for High Frequency Physics and Radar Techniques, dal Fraunhofer Institute for Integrated Circuits e dal Fraunhofer Application Center Connected Mobility and Infrastructure. Una innovazione nel mondo della mobilità di cui parlano gli organi di informazione.

Come ha dichiarato Reinhold Herschel, Group Manager del Fraunhofer Fhr: “Piuttosto che fare affidamento esclusivamente su un avviso di prossimità in macchina come in passato l’attenzione qui è sulla previsione del comportamento in modo affidabile”. In sintesi i sensori rilevano il pericolo imminente non appena il soggetto inizia a muoversi, risparmiando tempo prezioso e, in alcuni casi, anche vite.

Come si legge nelle agenzie stampa, i sensori saranno installati nei punti critici dell’infrastruttura, ad esempio alle fermate di autobus e tram. Da queste postazioni monitoreranno la velocità delle persone in attesa alle fermate e trasmetteranno i dati ai veicoli in movimento nelle vicinanze. Poiché questi sensori radar non registrano immagini ottiche, non ci sono problemi di privacy o protezione dei dati. A lungo termine, dovrebbe anche essere possibile utilizzare gli algoritmi di valutazione nei sensori radar dell’auto.

Al momento è stato realizzato un dimostratore che dovrebbe essere presentato nel trimestre in corso. I ricercatori stanno anche lavorando a un possibile ulteriore sviluppo del progetto in vista di una ottimizzazione del sensore. Questa volta non solo esaminando se qualcuno si sta muovendo verso la strada, ma anche tenendo conto delle questioni che determinano come e perché potrebbero fare quella mossa.

Oltre a rilevare che qualcuno si sta avvicinando all’auto, il sistema utilizzerà l’intelligenza artificiale e una telecamera a infrarossi aggiuntiva per comprendere la situazione generale. L’obiettivo è migliorare il tempo di reazione del sistema. Se, ad esempio, una palla rotola sulla strada, un bambino potrebbe seguirla pochi secondi dopo. Se un autobus si ferma, è possibile che qualcuno attraversi di corsa la strada per prenderlo, rilevando l’intera situazione piuttosto che solo i movimenti delle singole persone.