Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Trenitalia arriva in Spagna con iryo

(come riportato su Le strade dell’informazione)

Nasce iryo. Si chiama così il marchio commerciale di Trenitalia in Spagna che unisce le parole “andare” e “io” in Spagnolo e che, entro il 2022, inizierà a viaggiare sui binari iberici dell’alta velocità fra le principali città, iniziando dalla rotta Madrid-Barcellona.  

Secondo quanto si legge su FsNews, presso la stazione di Atocha a Madrid, ILSA – la partecipata di Trenitalia e Air Nostrum – ha presentato a istituzioni e media spagnoli e all’Ambasciatore italiano in Spagna, Riccardo Guariglia, il nuovo nome commerciale dell’azienda e la nuova livrea con cui il Frecciarossa 1000, mantenendo le caratteristiche tecniche e il colore rosso invariato, si presenterà ai passeggeri. 

Parole di soddisfazione sono giunte da esponenti del Governo e di ADIF – Administrador de Infraestructuras Ferroviarias e proprio l’Ambasciatore ha ricordato il legame fra Italia e Spagna in ambito ferroviario visto che la prima linea ferroviaria Napoli-Portici fu commissionata da Ferdinando II, sovrano di origini spagnole. 

Grazie all’assegnazione da parte di ADIF, gestore dell’infrastruttura ferroviaria iberica, del 30% dei collegamenti alta velocità, iryo unirà in una prima fase Madrid, Barcellona, Siviglia, Malaga, Cordoba, Valencia, Alicante e Saragozza per poi estendersi ad altri collegamenti. 

Quello visto alla stazione di Atocha è il primo dei 20 nuovi Frecciarossa 1000 costruiti da Hitachi e Bombardier con le stesse caratteristiche di quelli in circolazione nel nostro Paese. Il treno italiano è riciclabile per la quasi totalità e consente un risparmio dell’80% di anidride carbonica per passeggero a tratta e, proprio per questi motivi, ha ottenuto la Certificazione di Impatto Ambientale (EPD). 

ILSA ha già investito in Spagna circa un miliardo di euro e prevede di generare 2.600 posti di lavoro fra diretti e indiretti e di attirare 50 milioni di passeggeri in dieci anni. Nel suo discorso alla presentazione del nuovo marchio, Simone Gorini, CEO di ILSA, ha sottolineato l’importanza di “offrire un’esperienza di viaggio adatta alle esigenze dei passeggeri in termini di personalizzazione, digitalizzazione e sostenibilità”. Aggiungendo anche che l’obiettivo principale è “porre il treno come modalità principale di trasporto per un futuro più sostenibile al centro di una mobilità sempre più connessa e multimodale”.