Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Traffico pesante: cartina al tornasole per il Pil

(come riportato da ANAS) Sulla rete Anas a maggio 2021 traffico pesante cresce del +23% rispetto a maggio 2020

Molto spesso, durante i nostri viaggi in autostrada, i mezzi pesanti possono rappresentare un intralcio e un rallentamento del nostro percorso. Ma ci siamo mai chiesti dove sono diretti e cosa trasportano? Abbiamo mai riflettuto sul servizio che rendono al paese per rifornire qualsiasi settore commerciale, industriale e sostenere la produttività?

Il traffico dei mezzi pesanti, che non si è mai fermato anche in pieno lockdown, si conferma un indice di misurazione del Prodotto Interno Lordo nazionale e quindi riflette la crescita economica della nostra Italia.

Anche per il trimestre appena trascorso proviamo ad analizzare i dati del traffico pesante, che ci consentono di fare una previsione sui dati del PIL del secondo trimestre.

 La graduale riduzione da aprile delle misure restrittive legate all’emergenza da Covid-19 ha fatto registrare un aumento del traffico sull’intera rete Anas.

L’Indice di Mobilità Rilevata registra a maggio 2021 una crescita del +25% rispetto al mese precedente e +58% nei confronti dello stesso periodo dell’anno scorso. Per quanto riguarda i veicoli pesanti, l’incremento stagionale si attesta quest’anno sull’1,6%, con un picco del 6% sulla rete stradale della Sardegna. 

Positiva la comparazione con i valori di maggio 2020, che segnano un aumento dell’Indice di Mobilità Rilevata del 23%, sempre nel territorio nazionale. Gli sviluppi recenti, appaiono coerenti con la nostra stima di un rimbalzo del PIL molto superiore al punto percentuale nel trimestre in corso pari al +1,9% circa.

Possiamo, quindi, arrivare alla conclusione che i dati di questo trimestre hanno creato le condizioni per vedere un’accelerazione potenzialmente molto più ampia nell’imminente trimestre estivo. Con l’avvio della zona bianca in tutte le regioni e la riduzione quasi totale delle restrizioni, le attività produttive in pieno esercizio e in particolare la ripresa dei settori strategici, come il manifatturiero, l’attività industriale e i cantieri, garantiranno una ulteriore crescita rispetto al trimestre precedente.