Share, , Google Plus, LinkedIn,

Print

Autostrade per l’Italia investe in tecnologia digitale sulla rete in concessione

Aspi investe 200 milioni nelle tecnologie digitali. Per la prevenzione, sicurezza e miglioramento dell’esperienza di viaggio. Il dato fornito durante il forum Italia-Canada, promosso dalla Camera di commercio italiana in Canada in collaborazione con le Regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Piemonte.

La tecnologia digitale per Aspi è uno dei cardini su cui ruota il nuovo piano industriale della società. Le applicazioni sono le più diverse. Qualche esempio: il ricorso alle nuove tecnologie digitali risulta decisivo nelle attività di monitoraggio e manutenzione delle infrastrutture (viadotti, gallerie).

Aspi sta lavorando su sistemi informatici in grado di generare informazioni statistiche e in tempo reale in relazione a: dati di traffico, tipologia di manto stradale, corsie disponibili, condizioni meteo. I progetti in corso prevedono modelli predittivi dei flussi e analisi di traffico che consentono di intervenire preventivamente sulle variabili che ruotano attorno alla sicurezza del viaggio. La tecnologia digitale sarà impiegata non solo in chiave di sicurezza dell’infrastruttura, ma anche sul fronte della sicurezza dei dati.

Nel piano generale di digital transformationdel gruppo, questo capitolo vede l’applicazione della tecnologia blockchain per cristallizzare le informazioni e i dati derivanti dalle ispezioni sullo stato delle opere e renderle univoche, sicure, non modificabili, trasparenti e accessibili in un registro aperto. La tecnologia oggi risponde in modo naturale alle caratteristiche di trasparenza e totale impossibilità di alterazione del dato e che si applica perfettamente al rigore con il quale l’azienda ha portato avanti una rivoluzione nel sistema delle ispezioni alle infrastrutture e contribuendo anche ad aggiornare la normativa di riferimento per viadotti e gallerie.

Per attrarre le migliori risorse dal mondo universitario viene incrementata a 1.200 euro l’indennità mensile per i giovani in stage. Atlantia ha poi raggiunto con i sindacati un accordo in base al quale la settimana lavorativa sarà articolata in 3 giornate in presenza e in 2 giornate da remoto. Lo smart working potrà essere adottato con ampia flessibilità tra le ore 8 e le ore 20. Sono prevista delle fasce orarie di disconnessione.

Strade&Autostrade